IL FORUM DI MONTEPARANO.COM

IL FORUM DI MONTEPARANO.COM
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 DISCUSSIONI
 IMPEGNO SOCIALE E CIVILE
 Topic estemporaneo
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 8

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 19/04/2012 : 11:15:50  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
Dico, ma si dovrebbe aprire una discussione apposita per segnalare le nefandezze degli apparentamenti politici? L’ultima in ordine di tempo mi sembra quella che si è avuta a Taranto con l’unione ( diciamo) sotto la stessa coalizione dell’UDC con il Sindaco uscente Stefàno. Leggendo il giornale ho notato come il vice segretario nazionale dell’UDC ( Tassone) ha giustificato questa liaison dangereuse . Egli tramite un gioco di parole ha messo mano al vocabolario evidenziando le sottigliezze che esistono tra i termini “opportunità” e “opportunismo”. Per carità, ci sta tutto, ma sembra evidente lo scivolone preso dall’Unione di Centro in questo frangente, poiché da dove la si vede questo era un matrimonio che non si sarebbe dovuto fare, per tanti motivi risalenti alle tradizioni e ai programmi futuri. Lo ha dimostrato lo stesso Stefàno, che ha pensato bene di non intervenire alla presentazione della lista dell’UDC: né lui né alcun esponente dell’attuale maggioranza ancora in carica fino al 7 Maggio. Il Sindaco Stefàno ha agito nella maniera più congeniale: ha fatto venire a sé questa piccola forza politica per poi scaricarla ancor prima di sedersi a “tavola”. Una maggiore coerenza avrebbe voluto che l’UDC scendesse da sola e poi, in un secondo momento, decidere di apparentarsi con chi proponeva dei programmi simili al proprio. Di questo passo chi crederà più agli ideali seppur modificati in base ai tempi e alle circostanze? Un uomo di centro, puro, potrà mai dare il voto a Vendola....a priori? Volendo o non volendo bisogna ammettere che Casini continua a fare il gioco dei due forni, almeno fino a quando non si doterà di dirigenti locali all’altezza della situazione. Per locali intendo i provinciali e Regionali. Il centro perderà ulteriori voti. Da questo punto di vista Stefàno è diventato un ottimo politico, segno che in quell'ambiente sono tutti uguali.

Queste votazioni a Taranto sembrano un concorso pubblico per accaparrarsi la classsica poltrona. Neanche Napoli ha lo stesso numero di liste. Abbiamo di tutto: pornostar, legambiente, verdi, centro, sinistre, destre. Smettetela!

La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 19/04/2012 : 11:26:29  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
mentecat ha scritto:

Dico, ma si dovrebbe aprire una discussione apposita per segnalare le nefandezze degli apparentamenti politici? L’ultima in ordine di tempo mi sembra quella che si è avuta a Taranto con l’unione ( diciamo) sotto la stessa coalizione dell’UDC con il Sindaco uscente Stefàno. Leggendo il giornale ho notato come il vice segretario nazionale dell’UDC ( Tassone) ha giustificato questa liaison dangereuse . Egli tramite un gioco di parole ha messo mano al vocabolario evidenziando le sottigliezze che esistono tra i termini “opportunità” e “opportunismo”. Per carità, ci sta tutto, ma sembra evidente lo scivolone preso dall’Unione di Centro in questo frangente, poiché da dove la si vede questo era un matrimonio che non si sarebbe dovuto fare, per tanti motivi risalenti alle tradizioni e ai programmi futuri. Lo ha dimostrato lo stesso Stefàno, che ha pensato bene di non intervenire alla presentazione della lista dell’UDC: né lui né alcun esponente dell’attuale maggioranza ancora in carica fino al 7 Maggio. Il Sindaco Stefàno ha agito nella maniera più congeniale: ha fatto venire a sé questa piccola forza politica per poi scaricarla ancor prima di sedersi a “tavola”. Una maggiore coerenza avrebbe voluto che l’UDC scendesse da sola e poi, in un secondo momento, decidere di apparentarsi con chi proponeva dei programmi simili al proprio. Di questo passo chi crederà più agli ideali seppur modificati in base ai tempi e alle circostanze? Un uomo di centro, puro, potrà mai dare il voto a Vendola....a priori? Volendo o non volendo bisogna ammettere che Casini continua a fare il gioco dei due forni, almeno fino a quando non si doterà di dirigenti locali all’altezza della situazione. Per locali intendo i provinciali e Regionali. Il centro perderà ulteriori voti. Da questo punto di vista Stefàno è diventato un ottimo politico, segno che in quell'ambiente sono tutti uguali.

Queste votazioni a Taranto sembrano un concorso pubblico per accaparrarsi la classsica poltrona. Neanche Napoli ha lo stesso numero di liste. Abbiamo di tutto: pornostar, legambiente, verdi, centro, sinistre, destre. Smettetela!


Concordo in toto con Mentecat e intendo giustificare Tassone che ritengo sia stato "inguaiato"(spero suo malgrado) dai dirigenti,privi di "senso politico" locali UDC(Sansa-Tarantino-Scalera).
Torna all'inizio della Pagina

sasà
Utente Master


Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


1452 Messaggi

Inserito il - 19/04/2012 : 13:35:55  Mostra Profilo Invia a sasà un Messaggio Privato
In tutte le cose ci sono oneri ed onori.Poco conta quel che penso della scelta fatta a Taranto da persone poco vicine alla città.Poco conta anche il fatto che a Monteparano abbiamo voluto lanciare un messaggio univoco scendendo da soli nelle amministrative dell'anno scorso.Poco conta anche la mia poca considerazione nei confronti di chi,onestamente,avrebbe dovuto mandare un segnale forte di rinnovamento e di appartenenza.Detto questo,dicevo degli oneri e degli onori,speriamo che dopo il risultato elettorale di Taranto la dirigenza nazionale riconosca,ai responsabili,la colpa o il merito per la scelta fatta.
Torna all'inizio della Pagina

Niedzwiedz
Utente Master


Prov.: Estero
Città: Cracovia


1849 Messaggi

Inserito il - 19/04/2012 : 15:02:09  Mostra Profilo Invia a Niedzwiedz un Messaggio Privato
Enjoy ha scritto:

In una società sempre più diasporica, il senso di appartenenza nelle sue manifestazioni più estreme è anacronismo, chiusura mentale. E' commovente soltanto quand'è nostalgia. Bisogna emigrare, estirpare radici, per rimanere attaccati alla terra.


Infatti.

Benché lontano e ancora non intenzionato a tornare, tuttavia se mi pongo la domanda: "Dove vuoi essere seppellito?"...Beh! Istintivamente rispondo: "Monteparano".

Nella speranza di avere tanti anni per cambiare idea

In certis unitas, in dubiis libertas, in omnibus caritas
Torna all'inizio della Pagina

Carlo
Utente Attivo


Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: monteparano


710 Messaggi

Inserito il - 19/04/2012 : 22:15:50  Mostra Profilo Invia a Carlo un Messaggio Privato
Riguardo l'apparentamento dell' Udc alle amministrative di taranto, sono in linea con quanto espresso fino a questo momento da chi si è cimentato in questa discussione. mi auguro che la linea di incoerenza "ata' spicia' , convenienze ed opportunismo non sono quello che chiedono i simpatizzanti dell'udc, anche se volgendomi dietro, nel nostro piccolo certe pratiche le abbiamo sperimentato. E allora entro in crisi, devono prevalere le ideologie, i programmi, le competenze , l'onesta delle persone o qualcos'altro , un bel guaio per me, che dell'ideologia si è nutrito sin da ragazzo, ma ha sempre rigettato la politica del male affare, intendendo per politica ideologica solo quella di rispondere alla costruzione del bene comune, il compromesso non lo condivido, ma spesso è praticato, mi auguro che quello che è successo a taranto possa dare frutti buoni alla città, e pensare che si stava procedendo inizialmente con una certa coerenza, poi saranno prevalse nel nostro vertice, altre valutazioni, ai tanti sconosciute, per cui uscire da soli sarebbe stata la cosa più semplice e saggia da fare.
Torna all'inizio della Pagina

Enjoy
Utente Master



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


1108 Messaggi

Inserito il - 21/03/2013 : 01:37:29  Mostra Profilo Invia a Enjoy un Messaggio Privato
«Predicate il Vangelo, e se è proprio necessario usate anche le parole.»

Francesco d'Assisi




L'Armata Brancaleone formata da quei giovani neo-eletti senz'arte nè parte, si ostinava da tempi non sospetti a tenere alta la bandiera del Movimento in cui credeva, con quel cavallo di battaglia urlato nelle piazze, il colpo di spugna ai privilegi del potere, ai costi della mala-repubblica: dimezzamento dei parlamentari, riduzione drastica dei compensi e altre amenità del genere. Per questo, come per altro ma principalmente per questo, si levò da più parti l'accusa di demagogia. Quegli uomini erano dei populisti, il loro capo un capo-popolo mediocre, un buffone, un giullare, e i loro argomenti non avrebbero avuto seguito nella stessa misura in cui non avevano, di fatto, sostanza.
Vorrei dire... di fatto un uomo stupisce il mondo, viene eletto, proclamato, quasi osannato; e il suo cavallo di battaglia sussurrato nella piazza, il colpo di spugna ai privilegi al potere, simbolico, come il suo nome, ancora nullo, ancora formale, viene accolto quasi come riforma sostanziale, ed egli stesso come riformatore. Finchè qualcuno non fa notare che forse sarebbe il caso di andarci piano con le lacrime di commozione, considerato che, insomma, signori, finora ha solo rinunciato a una croce d'oro e a un paio di scarpette rosse. E tuttavia per il popolo quell'uomo non è un populista, non un demagogo. E' un illuminato.
Allora vorrei dire... tutto questo non già per sminuire banalmente la portata storica di un evento per certi aspetti sensazionale, ma insomma: prima di facili entusiasmi che per di più portano a due pesi e due misure, non spalanchiamo la bocca: apriamo il cervello. Perchè lungi dall'essere un mero parallelismo, che sarebbe improbabile, ed evidenziando con decisione le differenze sostanziali fra le due forme di "politica" (lato sensu), resta che 42 milioni e 800mila euro restituiti ai cittadini sarà pure demagogia, ma varranno più di una croce d'argento, per ora. O no?
Anche perchè (per ora) lo IOR è ancora lì, tutt'intero. O quasi.

Per intanto ostiniamoci a guardare con fiducia, o per meglio dire con speranza, l'un demagogo e l'altro.





"Bisogna diventare indifferenti, senza mai chiedersi se la verità sia utile o fatale per qualcuno..."
F. Nietzsche

Modificato da - Enjoy in data 21/03/2013 02:18:46
Torna all'inizio della Pagina

Parsifal
Utente Medio




315 Messaggi

Inserito il - 21/03/2013 : 08:00:10  Mostra Profilo Invia a Parsifal un Messaggio Privato
Enjoy ha scritto:

«Predicate il Vangelo, e se è proprio necessario usate anche le parole.»

Francesco d'Assisi




L'Armata Brancaleone formata da quei giovani neo-eletti senz'arte nè parte, si ostinava da tempi non sospetti a tenere alta la bandiera del Movimento in cui credeva, con quel cavallo di battaglia urlato nelle piazze, il colpo di spugna ai privilegi del potere, ai costi della mala-repubblica: dimezzamento dei parlamentari, riduzione drastica dei compensi e altre amenità del genere. Per questo, come per altro ma principalmente per questo, si levò da più parti l'accusa di demagogia. Quegli uomini erano dei populisti, il loro capo un capo-popolo mediocre, un buffone, un giullare, e i loro argomenti non avrebbero avuto seguito nella stessa misura in cui non avevano, di fatto, sostanza.
Vorrei dire... di fatto un uomo stupisce il mondo, viene eletto, proclamato, quasi osannato; e il suo cavallo di battaglia sussurrato nella piazza, il colpo di spugna ai privilegi al potere, simbolico, come il suo nome, ancora nullo, ancora formale, viene accolto quasi come riforma sostanziale, ed egli stesso come riformatore. Finchè qualcuno non fa notare che forse sarebbe il caso di andarci piano con le lacrime di commozione, considerato che, insomma, signori, finora ha solo rinunciato a una croce d'oro e a un paio di scarpette rosse. E tuttavia per il popolo quell'uomo non è un populista, non un demagogo. E' un illuminato.
Allora vorrei dire... tutto questo non già per sminuire banalmente la portata storica di un evento per certi aspetti sensazionale, ma insomma: prima di facili entusiasmi che per di più portano a due pesi e due misure, non spalanchiamo la bocca: apriamo il cervello. Perchè lungi dall'essere un mero parallelismo, che sarebbe improbabile, ed evidenziando con decisione le differenze sostanziali fra le due forme di "politica" (lato sensu), resta che 42 milioni e 800mila euro restituiti ai cittadini sarà pure demagogia, ma varranno più di una croce d'argento, per ora. O no?
Anche perchè (per ora) lo IOR è ancora lì, tutt'intero. O quasi.

Per intanto ostiniamoci a guardare con fiducia, o per meglio dire con speranza, l'un demagogo e l'altro.



Perché un significativo prodotto dello spirito possa esercitare
un’influenza profonda e vasta occorre un’affinità segreta, quasi una
concordanza, fra il destino personale dell’autore e quello comune
alla generazione del suo tempo.
Gli esseri umani non sanno perché conferiscano gloria ad un’opera d’arte.
…..il vero motivo del loro plauso è imponderabile, è la simpatia.”


Thomas Mann
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 21/03/2013 : 10:19:56  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
Tutto è opinabile e rispettabile ed io ,in proposito,penso quanto segue.
La rabbia e la delusione degli italiani sono gli sponsor di Grillo,che raccoglie tutto,dall’estrema sinistra agli insofferenti di qualsiasi regola,ai delusi della Lega o della destra. L’unico obiettivo è mettere in crisi i partiti non per rigenerarli o per farne emergere altri più moderni,ma per mettere in campo una protesta,giusta finché vogliamo,ma fine a se stessa,finalizzata a dire no a tutto . Paradossalmente potrebbe anche risultare utile,perché indurrebbe i partiti politici ad accordi o a larghe intese,costringendoli a governare finalmente bene la nostra Italia. Ciò lo può fare solo la politica,non certo la protesta. Se paghiamo cara l’energia è perché in Italia per fare una centrale è come andare in guerra: si scatenerebbero manifestazioni,proteste, appelli. Costruire autostrade,ferrovie,ponti,viene ostacolato da comitati e no TAV di nazionalità estere che non possono manifestare nei loro Paesi,perché da loro,proteste o no,le opere si fanno. Da noi,non solo non si fanno,ma si continua a mortificare l’occupazione! Che dire dei rifiuti? Siamo in perenne emergenza,perché da noi non si possono costruire inceneritori o discariche,preferendo pagare fior di euro a tonnellata per trasferire la spazzatura in paesi dove fanno a botte pur di averla. E le imprese? Strangolate dalle tasse,corrono all’estero dove tutto è più facile,dove le tasse consentono loro di respirare. In tal modo,come possiamo sperare in una ripresa della nostra economia? Se tutto ciò,invece, si potrà evitare con eventuali coalizioni o alleanze inedite di partiti,si potrebbe ben digerire un relativo successo di Grillo. E devo essere sincero fino in fondo. Non cedo mai alla tentazione di liquidare con un semplice gesto di insofferenza istanze e proteste che nascono da un reale disagio della gente,tanto meno riesco a bollare il dissenso come un fatto eversivo,anche se si possono riscontrare punti di convergenza. Ma credo che bisogna tentare la via del dialogo per scoprire eventuali punti di convergenza,nella convinzione che se la politica continua a voltare le spalle o badare solo a se stessa,l’antipolitica diventerà sempre più aggressiva e intollerante.
Torna all'inizio della Pagina

Enjoy
Utente Master



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


1108 Messaggi

Inserito il - 21/03/2013 : 13:11:13  Mostra Profilo Invia a Enjoy un Messaggio Privato
E' bellissima e vera la frase citata da Parsifal, che ringrazio; anche inquietante, se si pensa che pure i feroci totalitarismi appoggiati dal popolo rientrano in quella logica.


"Bisogna diventare indifferenti, senza mai chiedersi se la verità sia utile o fatale per qualcuno..."
F. Nietzsche

Modificato da - Enjoy in data 21/03/2013 13:12:12
Torna all'inizio della Pagina

Amministratore
amministratore


Prov.: Taranto
Città: Monteparano


3659 Messaggi

Inserito il - 21/03/2013 : 20:05:04  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Amministratore Invia a Amministratore un Messaggio Privato
Senza entrare nel merito delle argomentazioni, che richiederebbero un tempo materiale che in questo periodo non ho, mi piace sottolineare la grande eleganza "stilistica" di Enjoy.
E' un piacere leggerti!

"Fatti non fummo per viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza"
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 22/03/2013 : 14:09:50  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
Io invece entro nel merito e lo faccio in tre post,altrimenti non leggerebbe nessuno.
E’ bello stare in un Paese come l’Italia dove, il mattino dopo, tutti salgono sul carro del vincitore per prendere parte alla comune festa. Ammirevole chi per convinzione si sente orgoglioso e protagonista avendo dato il proprio voto al vincitore. Non degno di considerazione colui(coloro) che sono tutt’ora pervasi da scetticismo(il sottoscritto) ,esposti al pubblico ludibrio da far rabbrividire,per aver votato non contro Grillo,ma a favore di altri. Ma c’è una terza fetta di elettorato che forse si nasconde timidamente . C’è una categoria ,che dopo aver votato il M5s,ora si chiede”ma chi c…ho votato!”. Non scherziamo e non scandalizzatevi,vi prego,ma dobbiamo essere realisti ed avere l’ onestà intellettuale di discutere fino in fondo. Affacciatevi per un momento nei social network e vi rendete conto della massa di critiche allarmanti per chi ha scommesso tutto su internet (molti amici di Grillo,per intenderci). Sembra che,dopo le elezioni,l’Italia s’è desta. Quell’Italia che,dopo aver votato il M5s,paga del risultato,voleva dare solo una “lezione” a quella classe politica indegna della fiducia. E ci è riuscita in pieno. Ma attenzione. La visione della diretta streaming degli eletti M5s ha fatto impallidire questa parte di cittadini indignati,seppure neo- elettori della “bella” compagnia. Se è vero che la parte di programma elettorale relativa ai costi della politica è perfetta ed attuabile da subito (quante volte tale argomento è stato oggetto di una mia attenzione qui su Forum!),il resto delle proposte del M5s mi pare più un libro dei sogni.
Qui mi fermo e per non “stancare” chi legge,rinvio ad altro post un confronto che vorrei avere con Enjoy ,ma in particolare con l’Amministratore. Seguitemi.
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 22/03/2013 : 14:42:12  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
Ad Enjoy do atto di aver creduto in tempi non sospetti al M5s,di cui tesse le lodi in modo anche garbato ed intelligente,ma resto perplesso sui commenti non tanto occulti dell’ Amministratore,che ora sembra saltato sul carro del vincitore,dopo anni “goduti”altrove. Ravvedimento? OK. Ma non me ne voglia se io non ho cambiato idea,pur sapendo che solo lo stupido non cambia idea. So altrettanto bene che i numeri in campagna elettorale non contano niente e che l’elettore medio ragiona sui criteri della simpatia,del fascino,della capacità di far sfogare rancore,rabbia,paure e quant’altro. L’Amministratore sa di aver cavalcato in passato questa tigre e Grillo ora interpreta benissimo questo ruolo. Non vi nascondo che a volte ha “stuzzicato” anche me. Ma io mi sono reso conto che le sue sono proposte da gioco d’azzardo. Sembra stia giocando a poker e stia bluffando, avendo anche un bel punto in mano. Bluffa quando accetta l’invito a governare da minoranza, pretendendo l’appoggio dagli avversari. Sa bene di non poter governare con il suo programma non realizzabile ,facendo leva sullo scontato rifiuto di collaborazione degli avversari. Bluffa quando rifiuta di appoggiare a sua volta qualsiasi tipo di governo, perché sa che un impegno condiviso nuocerebbe al suo ruolo di pubblico imbonitore . Ma la cosa grave è un’altra. Grillo si squalifica davanti a proposte sociali che qualsiasi ragioniere(quale io sono) può smontare in cinque minuti con due calcoli. Più che Enjoy vorrei che mi seguisse l’ Amministratore che ha fatto il Sindaco del nostro Comune. Sapete,e non scopro l’acqua calda,che Comuni,Province ,Regioni e Stato , vogliano o no,devono “contare” sui bilanci finanziari che in questo momento di estrema congiuntura fanno acqua da tutte le parti . Quanto sto per dire certifica l’assurdo. Ad un terzo post affido i miei “numeri”.
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 22/03/2013 : 15:12:57  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
Ho sottomano tutto il programma di M5s,ma,per non tediare con i “famosi” numeri,mi permetto di commentare due soli punti.

Il fantomatico “reddito di cittadinanza” da concedere a tutte le persone inattive(bella cosa certamente, tanto più che mio figlio ed altri miei parenti potrebbero usufruirne)costerebbe allo Stato circa 172 miliardi l’anno(18 milioni di inattivi x 800€(forse 1000) a testax12 mesi).Una cifra mostruosa,pur considerando in diminuzione 15 miliardi di cassa integrazione(?) e 5 miliardi di tagli alla politica, che a conti fatti al massimo sono un centinaio di milioni(chiedere a Pannella che ci ha provato per 30 anni),come se ne esce dal famoso debito pubblico di oltre 2000 miliardi?

Secondo esempio. La proposta di ridurre da 37 ore a 20 ore il lavoro degli addetti pubblici e privati (conteggiati in 10 milioni),con conseguente riduzione delle retribuzioni,dove porta se non alla povertà? Altrimenti non ci vuole qualcuno che integri il mancato guadagno? Chi, se non lo Stato?
Su,da bravi, facciamo i conti:37ore meno 20 fanno 17 ore x 52 settimane fanno 884 ore pro capite all’anno x 18,41€.(tanto è la retribuzione oraria attualmente, senza contributi) fanno 16.274€.pro capite x 10milioni di addetti fanno una spesa di 162 miliardi di €. a carico dello Stato.
Io mi fermerei qui ad analizzare il programma del M5s e cercherei di essere più realista e concreto. Lo scopo di Grillo(lo dice lui) è quello di logorare i pochi che prendono sul serio queste sue stravaganze,in modo da destituirli agli occhi dei loro elettori. Gioco riuscito. Bersani docet. Ma il gioco vale la candela? E il default quanto vale? Si vuole amministrare lo Stato o vogliamo continuare a giocare a farci del male?
Torna all'inizio della Pagina

Amministratore
amministratore


Prov.: Taranto
Città: Monteparano


3659 Messaggi

Inserito il - 22/03/2013 : 17:08:19  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Amministratore Invia a Amministratore un Messaggio Privato
spiderman ha scritto:

Ad Enjoy do atto di aver creduto in tempi non sospetti al M5s,di cui tesse le lodi in modo anche garbato ed intelligente,ma resto perplesso sui commenti non tanto occulti dell’ Amministratore,che ora sembra saltato sul carro del vincitore,dopo anni “goduti”altrove. Ravvedimento? ..


Oh Spider, ma ce l'hai con me? ... Mai saltato sui carri dei vincitori, nemmeno questa volta, stai tranquillo. Io e te moriremo come siamo nati, democristiani e comunisti ...

PS: "Goduti" in che senso? ... Non ricordo grandi godimenti, ma solo intense e prolungate sofferenze ...


"Fatti non fummo per viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza"
Torna all'inizio della Pagina

Enjoy
Utente Master



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


1108 Messaggi

Inserito il - 22/03/2013 : 18:25:52  Mostra Profilo Invia a Enjoy un Messaggio Privato
Tra l'altro, Spiderman, come ripetuto altrove, per quanto mi riguarda al Senato ho perfino votato il PD, pensa un po', sperando in un governo di sinistra che spazzasse via definitivamente lo scempio della destra italiana, con M5S pronto a spingere per le riforme necessarie che per troppi anni i partiti tradizionali (tra cui anche il PD) hanno accantonato; sappiamo anche perchè. Questo per dire: nessuno qui parteggia ciecamente. Al massimo speriamo nel meglio, cercando di essere obiettivi. Anche perchè, sai, allo stato attuale e comunque la si metta, vedo molti perdenti e nessun vincitore da accompagnare sul carro. Le tue riserve sono comprensibili e in parte sono anche le mie, come ho pensato e scritto altrove. Resta che per giudicare l'operato di qualcuno, bisogna che a quel qualcuno sia data quanto meno la possibilità di mettere in pratica un operato qualunque. E scusate la tautologia.
Ti siamo grati comunque per aver quanto meno argomentato il tuo giudizio, senza cadere nella banalità del luogo comune o del gossip politico, tanto di moda ultimamente.

"Bisogna diventare indifferenti, senza mai chiedersi se la verità sia utile o fatale per qualcuno..."
F. Nietzsche
Torna all'inizio della Pagina

Amministratore
amministratore


Prov.: Taranto
Città: Monteparano


3659 Messaggi

Inserito il - 22/03/2013 : 19:41:53  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Amministratore Invia a Amministratore un Messaggio Privato
E' (quanto detto sopra da Enjoy) anche il mio pensiero, o meglio quanto si avvicina al mio sentire, nel senso preciso di sensazioni, forse neanche troppo razionalizzate.
Non ho mai aderito al PD, come ho già detto in altre circostanze, ma questa volta ho "sperato" nella vittoria di Bersani, in una vittoria netta che non desse più alibi e mettesse alla prova "seriamente" la capacità e la volontà di riforma e di rinnovamento della coalizione di centro-sinistra. Forse per mettere a posto la mia coscienza ho "materialmente" votato SEL, non perchè convinto da Vendola, ma solo per "tenere a sinistra" il PD.
La grande "rivoluzione" del 24 febbraio è stato invece il Movimento di Grillo e oggi, già la sua sola presenza, sta rinnovando il vocabolario politico del partito democratico.
Io spero caldamente che Bersani (e chi gli sta intorno) capisca che potrebbe non avere mai più la possibilità di governare questo Paese e che, quindi, deve sfruttarla oggi, portando avanti il programma politico più radicale che ci sia mai stato dall'inizio dell'era repubblicana. Questo vuole la gente che ha votato Grillo (e che sono stanchi dei partiti che parlano e non fanno), questo vogliono (da sempre) gran parte degli elettori che hanno votato Bersani e anche parte di coloro che non hanno proprio votato perchè non ci credono più. La presenza del M5S, per il solo fatto di essere fondamentale per la maggioranza al Senato, è quindi, in questa situazione, il pungolo più forte che il PD potesse avere. La partita si giocherà in queste ore.
Bersani sa bene di non poter accettare le offerte di Berlusconi di un governo di larghe intese, sarebbe l'anticamera della fine per il partito democratico. Ma anche tornare alle urne, a mio avviso, sarebbe deleterio per il PD.


"Fatti non fummo per viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza"
Torna all'inizio della Pagina

pontiflex
Utente Attivo


Città: Monteparano


747 Messaggi

Inserito il - 22/03/2013 : 21:43:16  Mostra Profilo Invia a pontiflex un Messaggio Privato
Vero è che la grande novità politica viene rappresentata da M5S.
E' anche vero che, se non ci fosse stato il M5S, il PD avrebbe continuato a "razzolare" male, mentre invece oggi è costretto ad ascoltare il malessere della popolazione che è giunta nelle istituzioni attraverso gli eletti M5S.
Se vogliamo mettere da parte lo stile dei M5S che si è manifestato un tantino arrogante o, in taluni casi, inopportuno per non dire deprecabile, la situazione è questa: senza M5S non c'è nessuna possibilità di governare questo Paese.
Ed è un bene, perchè (quasi tutte) le istanze del M5S se non sono pienamente realizzabili (come ci suggerisce Spiderman), ovvero realizzabili in tempi brevi, portano tutte verso la direzione della sobrietà, della moralità e della solidarietà.
Detto questo, il gioco serebbe sin troppo semplice: governo composto da persone per bene, preparate e fuori dal palazzo, presieduto (o no) da Bersani (ma io, sinceramente, preferirei di no) con un programma chiaro, condiviso e composto da pochi punti per traghettare il Paese verso le nuove elezioni, ma non prima di avere segnato una seria svolta moralizzatrice sulla politica, di avere riavviato l'economia oramai in caduta libera, di avere prodotto una seria legge sul conflitto di interessi (non solo per Berlusconi, ma per tutti i maneggioni che siedono in troppi CdA), di avere eliminato tutti i cartelli tra le grandi banche, assicurazioni, ecc.., di avere eliminato gli sperperi di stato (province, incarichi privati,..), di avere tolto il controllo politico della RAI, di avere stoppato sprechi inutili di danaro pubblico per bucare monti o comperare macchine da guerra, ...., sino ad una legge elettorale degna di questo nome.
Il meccanismo sarebbe, quindi, molto semplice: se il governo fa quanto stabilito nei tempi, nella sostanza e nella forma concordati ottiene la fiducia, se invece sbaglia si toglie subito la spina.
Nella situazione cui versa, il PD può solamente abbozzare ...
Facile.
Però.
Per fare queste cosucce (2/3 anni?) occorre evidentemente che qualcuno "si parli".
Da quanto emerge dalle cronache del palazzo sarebbe solo il PD a voler aprire il dialogo.
Purtroppo, sino ad oggi, M5S ha eretto un muro. Dialogo zero.
E non mi si venga a raccontare che la richiesta di ottenere un pieno mandato dal Quirinale senza numeri per poter ottenere la fiducia sia una richiesta sensata. Nel gergo pokeristico si chiama bluff. Oppure si tratta di fine tattica per ottenere altro travaso di voti dal PD nelle prossime (imminenti) elezioni politiche?
Se il motivo del "muro" è questo, cioè di calcolo (mandiamo tutto a scatafascio così guadagnamo il + percento), debbo ricredermi sulla astuzia grillesca.
Perchè se si torna a rivotare presto e con questa legge elettorale, il premio di maggioranza se lo becca il PDL (altro che + percento ... dove credete che andranno i voti di Giannino, Monti, Fini, Casini alle prossime elezioni?). Berlusconi ha bisogno solo di qualche (altro) mese di campagna elettorale che, tra le altre cose, ha già iniziato.
E, quindi, addio alle sognate riforme.
Secondo me è realisticamente impossibile che M5S ottenga mai la maggioranza assoluta nel Parlamento. Cosa deve fare un movimento che nasce per essere "concreto" e non "ideologico", che nasce per fare una rivoluzione attraverso la legalità? Riuscire ad ottenere tutto quanto è possibile attraverso la negoziazione con la parte "meno imprensentabile" del parlamento. Questa è la politica, perchè se è vero che M5S è stato il partito più votato è anche vero che non rappresenta più di un quarto degli elettori. E, se crede nella democrazia, deve confrontarsi anche con chi la pensa diversamente.
Per quanto riguarda Bersani, mi auguro che abbia seriamente compreso che il treno è oramai passato ... e che se costituisce di fatto l'impedimento per un accordo con M5S farebbe bene a farsi da parte ..
Spero tanto di sbagliarmi, ma questa, secondo me, è l'unica ed ultima possibilità per tirare fuori un governo capace di fare serie riforme, con i grandi numeri sommati di M5S e PD. Che non ritorneranno più.




Torna all'inizio della Pagina

soprano
Utente Medio



220 Messaggi

Inserito il - 23/03/2013 : 08:12:40  Mostra Profilo Invia a soprano un Messaggio Privato
condivido pienamente l'analisi di pontiflex. aggiungo. Io ritengo che in questa fase, da parte di M5S ci sia un errore di valutazione. la chiusura a qualsiasi soluzione "politica" con l'intento di andare subito al voto, sperando in una disgregazione della sinistra la ritengo sbagliata. sono convinto che nelle ultime elezioni la sinistra, così come la destra abbiano raggiunto il minimo storico, che M5S oltre quella soglia non possa andare anzi, chi come me gli ha dato fiducia, sperando in partito di governo (PD) ed uno di controllo dall'interno (M5S), VALUTANDO questa chiusura totale ad ogni ipotesi, rinnegando aspetti importanti inseriti negli 8 punti di Bersani, porterà ad un ravvedimento con l'ipotesi di astensionismo o un ritorno alle origini. Non vorrei che il M5S abbia aquisito quella capacità storica della sinistra di saper fare solo opposizione. Dovrebbero capire che quei voti dell'IDV (2/3%), della sinistra estrema che non si è riconosciuta in Ingroia (1%) , del PD (2/3%)e una buona parte della sinistra della lega, non sono voti consolidati, sono voti dati con la speranza di un dialogo su cose necessarie ed importanti, un voto che permetta alla destra di liberarsi del "padrone" delle loro coscienze . Non vedo in giro un "politico" più competente di Bersani in questa fase di "trattativa" e a giudicare dal gruppo G.A.L. (Gruppo Autonomo Liberale) formato al senato con i suoi 10 senatori provenienti dalle autonomie locali, dalla lega, da Io sud e dal PDL ma soprattutto il mandato dato da Napolitano fanno capire che "Gargamella" come lo chiama Grillo sia sulla buona strada per formare il governo. Speriamo
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 23/03/2013 : 11:14:40  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
L’Amministratore scrive:
“Oh Spider, ma ce l'hai con me? ... Mai saltato sui carri dei vincitori, nemmeno questa volta, stai tranquillo. Io e te moriremo come siamo nati, democristiani e comunisti ...

PS: "Goduti" in che senso? ... Non ricordo grandi godimenti, ma solo intense e prolungate sofferenze ...”


Stai tranquillo,Amministratore. I rancori non fanno parte del mio scarso bagaglio intellettivo. Semmai mi piace discutere(quasi a giocherellare) con persone competenti e mai banali come te e guai se ti avessi snobbato. Dalle persone che stimo esigo giudizi e comportamenti intelligenti.
Sai che ad amministrare il nostro Comune ci sei andato dopo di me e non ho mai accettato quelle(plurale) campagne denigratorie,frutto di facile populismo per via di un certo “dissesto” su cui non ci siamo mai confrontati e su cui avrei da dire(cosa che non ho mai potuto fare in passato) tante cose, magari anche fra 30 anni. Da qui quel “goduti”. In senso politico,ovviamente, e più precisamente,nel senso che quella situazione finanziaria deficitaria,da noi, Gruppo Consiliare, rilevata,denunciata e ufficializzata, ti concesse la possibilità,senza alcuno sforzo,di vincere le elezioni. Acqua passata. Per ora prendo atto di una tua immutata idea politica aderente all’antico PCI, non sapendo di una tua non adesione alle sigle che gli sono succedute. Ciò ti fa onore,anche se,dall’alto della mia età,mi devi consentire di ricordarti che la storia ha decretato la fine della democrazia cristiana e del comunismo. Questo ci costringe a “riciclarci” in partiti o movimenti nuovi che nascono come i funghi,senza arte né parte. Nostalgicamente e con stima ,sempre amici.
Enjoy scrive:
“Tra l'altro, Spiderman, come ripetuto altrove, per quanto mi riguarda al Senato ho perfino votato il PD, pensa un po', sperando in un governo di sinistra che spazzasse via definitivamente lo scempio della destra italiana, con M5S pronto a spingere per le riforme necessarie che per troppi anni i partiti tradizionali (tra cui anche il PD) hanno accantonato; sappiamo anche perchè. Questo per dire: nessuno qui parteggia ciecamente. Al massimo speriamo nel meglio, cercando di essere obiettivi. Anche perchè, sai, allo stato attuale e comunque la si metta, vedo molti perdenti e nessun vincitore da accompagnare sul carro. Le tue riserve sono comprensibili e in parte sono anche le mie, come ho pensato e scritto altrove. Resta che per giudicare l'operato di qualcuno, bisogna che a quel qualcuno sia data quanto meno la possibilità di mettere in pratica un operato qualunque. E scusate la tautologia.
Ti siamo grati comunque per aver quanto meno argomentato il tuo giudizio, senza cadere nella banalità del luogo comune o del gossip politico, tanto di moda ultimamente”

Bravo,Enjoy. Per la stima, vale per te quanto detto anche all’Amministratore e ti dirò di più. Ritengo che tu possa mettere a disposizione della società le tue molteplici capacità,a cominciare dalle tue raffinate cognizioni culturali,anche se mi “rammaricano” le tue posizioni un po’ “estremiste”,che,a volte,ti portano ad idealizzare gli avvenimenti e ti impediscono una più serena valutazione della realtà. Ma questo è un mio problema. Le tue posizioni riguardo al M5s le avevi già esplicate e ne ho preso atto. L’ulteriore chiarificazione nel tuo ultimo post ti fa onore.
Torna all'inizio della Pagina

limone
Utente Medio




169 Messaggi

Inserito il - 23/03/2013 : 11:50:27  Mostra Profilo Invia a limone un Messaggio Privato
Spiderman si meraviglia e sottolinea le capacità dialettiche ( e non solo) di Enjoy. Peccato non si sia trovato prima, quando da quel profilo uscivano pensieri straordinari che richiamavano, a seconda del caso, Nietzsche, Bakunin, Bukowski e altri che ora non è il caso di enunciare. Piuttosto me lo avete snaturato, costringendolo a fare i conti con i numeri e le quattro operazioni. Io mi tengo stretto questo Enjoy, ma soprattutto quello: libero e indifferente…

Vi voglio tediare, ora, con un pensiero differente da quelli appena letti, così, tanto per stemperare

Una buona fetta del genere femminile, staccatasi da quella che oggettivamente è impossibilitata a farlo, flirta ovunque si presenti: dallo “stato” di face book alle palestre, dal cellulare alla posta elettronica, dall’ufficio presso cui lavora ad una cena con i migliori amici del marito. L’imponderabilità la troviamo nelle risposte che forniscono quando qualcuno fa notare loro che sono naturalmente predisposte a questo contegno. Esse si dimenano e salvaguardano la propria dignità ergendosi a vittime predestinate da una plurisecolare persecuzione e che, questo luogo comune, albeggia più che altro nella testa dell’uomo, in particolare quando quest’ultimo vuol mascherare una incapacità nella conquista, tanto per citarne una.
Nonostante le cuffie d’ordinanza, che sparavano a palla i Guns n Roses, non ho potuto esimermi dall’ascoltare una colorita discussione che aveva nel preambolo appena enunciato l’oggetto del contendere. L’inutilità della stessa era pari almeno al tempo che perdevo nell’ascoltare loro in luogo dell’assolo di “Slash”, mitico chitarrista del gruppo. Tuttavia ho avuto modo di perdonare parzialmente il mio interesse verso quello sparuto gruppetto misto quando, a “compendio” di quei virtuosismi dialettici, s’è innalzato un omino basso e curvo cui la natura sembrava non aver perdonato nulla, e ha strabiliato tutti dimostrando quanto fosse inutile accusarsi a vicenda e che, proprio quel reciproco flirtare, “non è che l’essenza della socialità e dell’interesse” e che, ancora, “nel momento in cui si procede alla fase successiva ( a buon intenditor …) viene meno tutto il gusto“, ponendo fine, divorandola più in fretta, a quell’ebbrezza che solo il corteggiamento può dare. Ho dovuto rivedere le mie idee in merito alla questione, lo ammetto; ma soprattutto ho imparato che all’interno di una “pianta grassa” alta quanto una vigorsol messa di traverso, si può celare quello che non ti aspetti, persino l’argomentare su temi che l’apparenza, in principio e per convenzione, sembrava avergli negato.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 8 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
IL FORUM DI MONTEPARANO.COM © Monteparano.com 2008 Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 2,18 secondi. Versione 3.4.07 by Modifichicci - Herniasurgery.it | PlatinumFull - Distribuito Da: Massimo Farieri - www.snitz.it | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06