IL FORUM DI MONTEPARANO.COM

IL FORUM DI MONTEPARANO.COM
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 DISCUSSIONI
 DISCUSSIONI LIBERE
 Politica, ovvero rimescoliamo le carte
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 4

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 11/10/2012 : 22:36:15  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
Rocco e i suoi alter ego


E io che pensavo si fosse eclissato per sempre! evidentemente mi sbagliavo visto che Rocco Buttiglione non solo ha avuto un ruolo determinante nelle dimissioni (???????) di Renata Polverini, ma in questi giorni si sta occupando di creare un nuovo soggetto di centro con l'ambizione di conquistare l'elettorato moderato del Pdl.


Di seguito i volti meno conosciuti di Buttiglione attraverso alcune sue dichiarazioni:

- Ho partecipato alla prima occupazione di una università italiana: nel 1967 a Palazzo Fontana, Torino, abbiamo fatto l'autogestione. Io ero membro di un piccolo gruppo cattolico: tra le altre cose andavamo a contestare i seminari di Gianni Vattimo.

- Nel 1969 a Roma, mentre noi di Cl tentavamo di difendere un corteo di studenti medi dai fascisti di Giurisprudenza, il loro capo - un onorevole missino - mi diede personalmente una sprangata al ginocchio.

- Vi rivelo un trucco che ci insegnò all'epoca il capo del nostro servizio d'ordine non violento:giubbotti di un paio di taglie più grandi riempiti di dizionari. La cultura può davvero fermare la violenza.

- Una volta ho rischiato grosso: la guardia di frontiera in Polonia mi aprì la sacca, vide i libri ma non disse niente. Si limitò a prenderne due per sé (ricordando gli anni in cui portava in Polonia libri proibiti).

- Sono uno dei pochi cultori europei di haiku, la forma metrica giapponese di tre versi per diciassette sillabe complessive (li scrive in tedesco e in inglese).


Che meraviglia!




 


La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski

Modificato da - mentecat in Data 11/10/2012 22:39:04

Carlo
Utente Attivo


Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: monteparano


710 Messaggi

Inserito il - 12/10/2012 : 21:55:57  Mostra Profilo Invia a Carlo un Messaggio Privato
Ma è tanto , ma tanto di più , basta ascoltarlo e leggere i suoi scritti.
Torna all'inizio della Pagina

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 13/10/2012 : 13:51:57  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
enter ha scritto:

[...]L'ultima volta che sono stato a Monteparano ho visto il cartello "vendesi" sulla porta di quella sezione e,a domanda,la risposta è stata che ormai è chiusa da mesi e che di chi doveva rappresentare cinquecento votanti non c'è rimasta nemmeno l'ombra,non solo in sezione ma anche tra i banchi dell'opposizione in consiglio comunale.Allora mi domando:è possibile che ancora,dopo tutto lo schifo che c'è in giro,i "vecchi" tromboni di Alex e di Sasà,continuano imperterriti ad avere forza e potere tali da stroncare sul nascere qualsiasi cosa he possa dare speranza di rinnovamento e una più sana rappresentatività a quella Gente che ancora crede nella democrazia e nell'onestà?

A cosa ti riferisci Enter? Ai vecchi tromboni locali o a quelli più in alto?
Il discorso andrebbe affrontato a secondo delle tue intenzioni. Credo Sasà all'epoca accettò a scatola chiusa, senza premunirsi in nessuna maniera. I suoi garanti, forse, erano stati proprio quei vecchi tromboni da te accennati. Forse, dico sempre forse, Sasà non doveva accettare un incarico da solo, ma doveva proporre lui un nuovo organico. Mi rendo conto che qui , ora, è tutto facile. Era in atto una fase di cambiamento, ma non strutturale; si trattava di un periodo di transizione perché in animo c'era solo la riconversione in qualcosa di altro, ma in realtà il mazzo in mano lo vogliono avere sempre le stesse persone. Vedi il post su Buttiglione che Carlo, come al solito, non ha capito.
Loro, Carlo e i suoi, sono pronti ad abbracciare l'ennesimo nuovo soggetto politico; nuovo nell'esposizione, ma vecchio per quanto concerne le idee e gli uomini.

Per taluni la linea guida è: facitimi murè democrisctiano

P.S. e da Alex siamo tornati all'UDC

La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski
Torna all'inizio della Pagina

enter
Utente Super



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


5585 Messaggi

Inserito il - 13/10/2012 : 20:19:12  Mostra Profilo Invia a enter un Messaggio Privato
No,non passiamo all'UDC,al massimo ne apriamo un'altra.

Per quanto riguarda i vecchi tromboni,mi riferisco,per entrambi,sia a quelli locali che a quelli nazionali.Come hai detto possono cambiare la facciata,ma la "struttura" rimane sempre la stessa.Peccato.
Torna all'inizio della Pagina

Carlo
Utente Attivo


Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: monteparano


710 Messaggi

Inserito il - 13/10/2012 : 22:14:10  Mostra Profilo Invia a Carlo un Messaggio Privato
Mi dispiace ripetere quanto scritto tempo addietro, la partecipazione è l'anima della democrazia o della politica. Cambiare le opinioni a volte succede, cambiare gli uomini a volte è necessario,ma devono essere li che scalpitano, altrimenti ,ti mangi la minestra riscaldata che spesso è più saporita di quella cotta al momento. Quanto a voler mantenere il mazzo delle chiavi in mano, abbiamo dimostrato che non è cosi. E' vero la sezione da tempo non si apre, ma è altrettanto vero che in consiglio comunale l'opposizione UDC non è mai stata assente, e ci siamo fatti sentire con il nostro modo di fare, discreto e sobrio, non urlato, e il vecchio trombone di carlo forse ne ha saltato qualcuno per impegni lavorativi, ma c'è stato sempre, qualcuno dei nostri che, ha sostenuto l'impegno dei nostri consiglieri. Mi dispiace che ancora si usino termini come "forza , potere, stroncare iniziative", se qualcuno attribbuisce a noi come gruppo, simili comportamenti ne dica solo uno, se vorrà replicare.Il sottoscritto e i miei amici sono pronti a farne ammenda.Quanto allo "schifo che c'è in giro", l'allusione ai "tromboni= schifo" e non tanto onesti", io non l'accetto, non abbiamo niente, ma proprio niente a che spartire con lo schifo al quale si fà riferimento. Quanto al post di Buttiglione, si pensa che non l'abbia capito ma non è cosi, il mio post voleva essere un invito, qualora lo si volesse, ad una maggiore conoscenza del personaggio e nient'altro.Riguardo all'abbracciare l'ennesimo sforzo di un nuovo soggetto politico della dirigenza nazionale UDC, se mi permetti, dici bene, è sempre lo stesso, "riunire i moderati", quanto ai soliti personaggi che circolano, se non c'è un nuovo migliore che avanza, ci teniamo i vecchi, apprezzandone l'abnegazione e il servizio che rendono.
Torna all'inizio della Pagina

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 14/10/2012 : 04:15:07  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
Ognuno, nel suo , si ritiene migliore, o quanto meno pari all'altro. Ma non è questo. Vedi Carlo, insisto nel proporti un parallelismo. Quanta fatica un nostro conoscente sta facendo per mettere il bastone tra le ruote a quei due inapproppriati che dirigono il partito a livello provinciale ( Scalera - Tarantino ). Questo appunto perché si ritiene, a giusta o sbaglaita ragione, che i dirigenti attuali siano ormai ritenuti inadeguati a mantenere le redini di un partito, seppur a livello provinciale. Come c'è chi scalpita per "farli fuori" ( a parer mio i motivi vanno ben oltre la loro pur palese inadeguatezza ), almeno, nella stessa misura, si cerca di mettere un pò in disparte coloro che si ritengono abbiano fatto il loro tempo a livello locale. Da qui il mio precedente intervento con il quale ipotizzavo un innesto di Alessandro Lezzi in compagnia, cioè insieme a qualcun altro che lo spalleggiasse e, sempre a colpi di spalla, scansassero più in là gli attuali (definiamoli) dirigenti locali. Anche a livello locale, Carlo, non si sta facendo niente per alleviare i dolori della massa e del singolo. Si dovrebbe essere più vicini al proprio elettorato anche ( e qui ora farò storcere il naso al sempreverde Spiderman) a "costo" di fare qualche intervento ad personam; intervento che, seppur ampiamente preso in considerazione ( non si possono fare nomi ), lo si è lasciato morire "onza onza", come di solito i politici sanno fare molto bene, cioè facendo illudere i malcapitati "costringendoli" alle varie e interminabili genuflessioni che portano solo ad aumentare l'entità del danno già di per sé incalcolabile. La politica e l'amministrazione al servizio dell'utente, sia singolo che privato. Cambiando obiettivo Carlo mi saprà sicuramente spiegare la motivazione delle centomila riunioni che si tengono a Taranto e provincia che hanno il solo scopo di eliminare i due furbetti appena sopra menzionati. Cosa fanno questi scissionisti? In che maniera si propongono a noi, vecchi simpatizzanti? Di loro sappiamo solamente che intendono sostituire quei due, ma anche loro sono distanti dal proprio elettorato. Molto distanti. Carlo, scrivo questo perché mi sono trovato a sorreggere moralmente ( di più non posso fare) alcuni nostri compaesani che sono stati letteralmente tenuti in campana per mesi...anni...con un fare vile ormai conosciuto da tutti, ma ancora ampiamente praticato. I tuoi amici Carlo, i miei amici Carlo, i nostri amici, Carlo.
Allora Carlo, chi ci dobbiamo mantenere ora, secondo te? Sicuro che il Sasà e qualcun altro non sarebbero in grado di sostituire o fare meglio, seppur considerando i livelli diversi in cui operano, del nostro aspirante e simpatico "scissionista" locale? Lui non legge questo forum, ma ampia campagna andrebbe fatta per divulgare le sue gesta oblative sotto l'aspetto prettamente intenzionale, ma politiche in senso stretto ( con l'accezzzzzione nettamente negativa) sotto l'aspetto squisitamente operativo.
A Sasà cosa è stato offerto? solo le chiavi di una sezione che non c'è più, poi null'altro. A Sasà non è stata offerta la possibilità di stare vicino al proprio elettorato, a quei 500 votanti da cui ripartire. Chi si muove nei labirinti sporchi della politica nostrana, voglio dire quella provinciale, non offrirà mai al Sasà di turno anche qualche ulteriore chiave oltre a quella della sezione, fors'anche perchè non si hanno ulteriori chiavi da offrire e, quelle poche che si ritrovano in mano, pensano bene di non condividerle. Tutto il contrario di ciò che dovrebbe essere la politica: partecipazione e predisposizione alla condivisione.
E poi.....bla...bla...bla....si potrebbe andare avanti all'infinito.

scritto di pancia alle quattro e mezza, dopo un estenuante servizio di "lavaggio piatti e stoviglie" ad una festa di compleanno di una figlia di politico che sta sulla breccia da trentacinque anni....( sarà vera questa cosa appena scritta?)

Non voglio nemmeno la tua risposta Carlo, anche perché la potrei scrivere anche io stesso, tanto ci hai abituati alla stessa solfa perbenista, moralista, ....ista, ....ista, ......ista, .....ista.

La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski

Modificato da - mentecat in data 14/10/2012 04:48:48
Torna all'inizio della Pagina

mezzo marinaio
Utente Attivo


Regione: Puglia


865 Messaggi

Inserito il - 14/10/2012 : 19:56:24  Mostra Profilo Invia a mezzo marinaio un Messaggio Privato
Non credo sia opportuno continuare così questa discussione, anche perché rischieremmo di farla diventare monotematica e, francamente, poco appetibile da un punto di vista della partecipazione. Piuttosto andrebbe rivista in un’ottica più generale partendo proprio da alcuni nodi fondamentali. Ad esempio, Monti, secondo voi, meriterebbe la candidatura alle prossime elezioni? In tanti lo corteggiano e la cosa mi inquieta, perché a farlo sono gli esponenti di maggior prestigio sotto il profilo industriale ( Marchionne, Berlusconi. Etc )
Non che io sia ostile per principio al governo Monti ma non credo, ad esempio, che la proposta dei tagli alle Regioni, che pure ha incontrato il favore dei cittadini e dei media, avrà mai compimento per il semplice motivo che dovrà passare sotto le forche caudine del Parlamento ( espressione, comunque, dei poteri forti sopra menzionati) e bisogna avere la memoria corta per ignorare che la proposta di riduzione del numero di parlamentari è già caduta nel dimenticatoio.
Ma al di là dello specifico, in tempi di crisi, i frutti migliori si raccolgono attraverso un radicale cambiamento di rotta ad opera del popolo, non della classe dirigente, cambiamento che sento possibile e tuttavia di non semplice attuazione, se non preceduto da una riforma della consapevolezza di ciascun soggetto alla luce di un dialogo tra aspirazioni legittime e leggi.

Hic et nunc.
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 14/10/2012 : 22:46:20  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
mentecat ha scritto:

Ognuno, nel suo , si ritiene migliore, o quanto meno pari all'altro. Ma non è questo. Vedi Carlo, insisto nel proporti un parallelismo. Quanta fatica un nostro conoscente sta facendo per mettere il bastone tra le ruote a quei due inapproppriati che dirigono il partito a livello provinciale ( Scalera - Tarantino ). Questo appunto perché si ritiene, a giusta o sbaglaita ragione, che i dirigenti attuali siano ormai ritenuti inadeguati a mantenere le redini di un partito, seppur a livello provinciale. Come c'è chi scalpita per "farli fuori" ( a parer mio i motivi vanno ben oltre la loro pur palese inadeguatezza ), almeno, nella stessa misura, si cerca di mettere un pò in disparte coloro che si ritengono abbiano fatto il loro tempo a livello locale. Da qui il mio precedente intervento con il quale ipotizzavo un innesto di Alessandro Lezzi in compagnia, cioè insieme a qualcun altro che lo spalleggiasse e, sempre a colpi di spalla, scansassero più in là gli attuali (definiamoli) dirigenti locali. Anche a livello locale, Carlo, non si sta facendo niente per alleviare i dolori della massa e del singolo. Si dovrebbe essere più vicini al proprio elettorato anche ( e qui ora farò storcere il naso al sempreverde Spiderman) a "costo" di fare qualche intervento ad personam; intervento che, seppur ampiamente preso in considerazione ( non si possono fare nomi ), lo si è lasciato morire "onza onza", come di solito i politici sanno fare molto bene, cioè facendo illudere i malcapitati "costringendoli" alle varie e interminabili genuflessioni che portano solo ad aumentare l'entità del danno già di per sé incalcolabile. La politica e l'amministrazione al servizio dell'utente, sia singolo che privato. Cambiando obiettivo Carlo mi saprà sicuramente spiegare la motivazione delle centomila riunioni che si tengono a Taranto e provincia che hanno il solo scopo di eliminare i due furbetti appena sopra menzionati. Cosa fanno questi scissionisti? In che maniera si propongono a noi, vecchi simpatizzanti? Di loro sappiamo solamente che intendono sostituire quei due, ma anche loro sono distanti dal proprio elettorato. Molto distanti. Carlo, scrivo questo perché mi sono trovato a sorreggere moralmente ( di più non posso fare) alcuni nostri compaesani che sono stati letteralmente tenuti in campana per mesi...anni...con un fare vile ormai conosciuto da tutti, ma ancora ampiamente praticato. I tuoi amici Carlo, i miei amici Carlo, i nostri amici, Carlo.
Allora Carlo, chi ci dobbiamo mantenere ora, secondo te? Sicuro che il Sasà e qualcun altro non sarebbero in grado di sostituire o fare meglio, seppur considerando i livelli diversi in cui operano, del nostro aspirante e simpatico "scissionista" locale? Lui non legge questo forum, ma ampia campagna andrebbe fatta per divulgare le sue gesta oblative sotto l'aspetto prettamente intenzionale, ma politiche in senso stretto ( con l'accezzzzzione nettamente negativa) sotto l'aspetto squisitamente operativo.
A Sasà cosa è stato offerto? solo le chiavi di una sezione che non c'è più, poi null'altro. A Sasà non è stata offerta la possibilità di stare vicino al proprio elettorato, a quei 500 votanti da cui ripartire. Chi si muove nei labirinti sporchi della politica nostrana, voglio dire quella provinciale, non offrirà mai al Sasà di turno anche qualche ulteriore chiave oltre a quella della sezione, fors'anche perchè non si hanno ulteriori chiavi da offrire e, quelle poche che si ritrovano in mano, pensano bene di non condividerle. Tutto il contrario di ciò che dovrebbe essere la politica: partecipazione e predisposizione alla condivisione.
E poi.....bla...bla...bla....si potrebbe andare avanti all'infinito.

scritto di pancia alle quattro e mezza, dopo un estenuante servizio di "lavaggio piatti e stoviglie" ad una festa di compleanno di una figlia di politico che sta sulla breccia da trentacinque anni....( sarà vera questa cosa appena scritta?)

Non voglio nemmeno la tua risposta Carlo, anche perché la potrei scrivere anche io stesso, tanto ci hai abituati alla stessa solfa perbenista, moralista, ....ista, ....ista, ......ista, .....ista.


Mentecat,al di la del fatto che io possa o non storcere il naso(e chi se ne frega) sul concetto del ruolo che “la politica” debba svolgere nella società,penso che il suo compito sia “anche” quello di offrire un aiuto al singolo bisognoso,ma non “solo” quello. Ciò detto,quello di Mentecat sembra più uno sfogo che non una riflessione e gli consiglierei di scrivere meno “di pancia” e non a quell’ora, concentrando la riflessione sul fatto che nella società italiana (ma allargherei realisticamente il limite)vi sono migliaia,direi milioni di singoli “bisognosi” ,che la politica da lui intesa,di questi tempi non riesce più a soddisfare come nel recente passato. Sicuramente qualcuno potrà rimanere deluso se si “affida” esclusivamente a “quella politica”,ma la realtà adesso,piaccia o no,è questa.
Torna all'inizio della Pagina

killer44
Utente Super




2824 Messaggi

Inserito il - 14/10/2012 : 23:24:10  Mostra Profilo Invia a killer44 un Messaggio Privato
mezzo marinaio ha scritto:

Non credo sia opportuno continuare così questa discussione, anche perché rischieremmo di farla diventare monotematica e, francamente, poco appetibile da un punto di vista della partecipazione. Piuttosto andrebbe rivista in un’ottica più generale partendo proprio da alcuni nodi fondamentali. Ad esempio, Monti, secondo voi, meriterebbe la candidatura alle prossime elezioni? In tanti lo corteggiano e la cosa mi inquieta, perché a farlo sono gli esponenti di maggior prestigio sotto il profilo industriale ( Marchionne, Berlusconi. Etc )
Non che io sia ostile per principio al governo Monti ma non credo, ad esempio, che la proposta dei tagli alle Regioni, che pure ha incontrato il favore dei cittadini e dei media, avrà mai compimento per il semplice motivo che dovrà passare sotto le forche caudine del Parlamento ( espressione, comunque, dei poteri forti sopra menzionati) e bisogna avere la memoria corta per ignorare che la proposta di riduzione del numero di parlamentari è già caduta nel dimenticatoio.
Ma al di là dello specifico, in tempi di crisi, i frutti migliori si raccolgono attraverso un radicale cambiamento di rotta ad opera del popolo, non della classe dirigente, cambiamento che sento possibile e tuttavia di non semplice attuazione, se non preceduto da una riforma della consapevolezza di ciascun soggetto alla luce di un dialogo tra aspirazioni legittime e leggi.

Hic et nunc.



"La purezza di una rivoluzione dura una settimana" (Isaak Babel).
Mezzo, in un post come il tuo mi aspetto, se non altro per ragioni estetiche, che le argomentazioni siano non dico condivisibili, ma fondate. Nutrire dubbi sull'operato del governo è legittimo, accettare obtorto collo alcune decisioni è naturale, ma un minimo di analisi "politica" e "storica" (uso le virgolette perché entrambi i termini mi sembrano pericolosissimi da maneggiare), non possa portare che alla conclusione che la nozione di "popolo" è sempre piuttosto generica se non vaga, soprattutto in tempi complessi come questi. Chi è il "popolo"? Ne faccio parte io? Ne fai parte tu? Esiste ancora una classe sociale che si possa identificare con il "popolo"? Ma esistono poi ancora le "classi sociali"? La tua osservazione mi sembra peccare di ( consentimelo ) ingenuità. Il Presidente Monti potrà avere tutti i demeriti possibili e immaginabili ma ha un merito innegabile: aver compreso la gravità della situazione ed aver agito di conseguenza. Il responsabile di una sfiorata catastrofe non è certo lui. Il gioco delle attribuzioni di responsabilità non mi appassiona, anche perché credo siano equamente suddivise tra destra e sinistra, tra sindacati e aziende, tra evasori e corruttori, tra parassiti e arrivisti. Monti si muove in un ginepraio, eppur si muove...Al Louvre c’è un bellissimo quadro: la "Libertà che guida il popolo sulle barricate" di Eugene Delacroix; un amico esperto di quadri e di storia mi ha invitato più volte a vedere chi ha scelto Delacroix per definire il "popolo". Non mi ha mai convinto l'idea che il fanciullo e la donna facessero parte del "popolo", se non al fianco di altro "popolo" composto da imbroglioni, farabutti, truffatori. L'idea di popolo come entità politicamente e sociologicamente omogenea credo la si possa mettere tranquillamente in soffitta o, almeno, lasciarla sotto i titoli dei quadri...

hic et nunc sapere aude


Spiderman :
Forse la politica, quella o quell'altra, dovrebbe smetterla, in camera caritastis, di illudere chi si "affida" ciecamente. Correttezza vuole che dal principio bisogna dire la verità: se si dice deve essere ; se si dice no nessuno si illude per mesi o anni.

O no?

Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Nietzsche
Torna all'inizio della Pagina

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 15/10/2012 : 09:27:22  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
spiderman ha scritto:

Mentecat,al di la del fatto che io possa o non storcere il naso(e chi se ne frega) sul concetto del ruolo che “la politica” debba svolgere nella società,penso che il suo compito sia “anche” quello di offrire un aiuto al singolo bisognoso,ma non “solo” quello. Ciò detto,quello di Mentecat sembra più uno sfogo che non una riflessione e gli consiglierei di scrivere meno “di pancia” e non a quell’ora, concentrando la riflessione sul fatto che nella società italiana (ma allargherei realisticamente il limite)vi sono migliaia,direi milioni di singoli “bisognosi” ,che la politica da lui intesa,di questi tempi non riesce più a soddisfare come nel recente passato. Sicuramente qualcuno potrà rimanere deluso se si “affida” esclusivamente a “quella politica”,ma la realtà adesso,piaccia o no,è questa.

Capisco Spiderman, capisco.

Così come capisco che a "pancia piena" si ragiona meglio; magari verso le tre del pomeriggio. Che dici?

Condivido il post di Killer, ovviamente compresi gli ultimi capoversi.

La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski
Torna all'inizio della Pagina

enter
Utente Super



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


5585 Messaggi

Inserito il - 16/10/2012 : 18:21:45  Mostra Profilo Invia a enter un Messaggio Privato
spiderman ha scritto:

Al ritorno da un week end mi ritrovo una mezza rivoluzione su Forum. Buona cosa perché si ritorna a scrivere e, in più,ritornano “belle penne” ,quali Enter e Mentecat.
Leggo attentamente i loro post: a parte qualche riferimento da me non compreso(è un mio limite),rilevo,ahimè,di nuovo le bordate contro l’UDC nazionale,provinciale e dulcis in fundo contro quello locale. Critici senza dubbio ,e molte cose non possono che essere condivise, altre sono eccessivamente provocatorie, dei cui autori,comunque, va accettata la buona fede(fino a prova contraria).
Parto da Enter,che lascia intendere di voler accostare il cartello “vendesi”(posto dal proprietario del locale) ad una riflessione di un Partito politico che si pone sul “mercato”come una qualsiasi merce. Va bene come parallelismo ironico,quale espressione di critica per l’inattività sezionale .Poi estesa anche ai banchi dell’opposizione in Consiglio Comunale. Il tutto miscelato con una grave responsabilità che hanno i “vecchi tromboni”(maledetti !, per fortuna trasversali) rei di stroncare sul nascere qualsiasi iniziativa di rinnovamento, non riconoscendo la rappresentanza (questo è grave ed inaccettabile) a quella gente che ancora crede nella democrazia e nell’onestà.
Prima che tu,Enter, mi escluda dal gruppo,il sottoscritto si ritiene un vecchio trombone ,che,se anche sempre presente(ti autorizzo ad etichettarmi “prezzemolo”) nella sezione UDC ,non ha alcun potere decisionale e, men che meno,ha mai negato a chicchessia velleità di partecipazione e/o rinnovamento, anzi….(sarebbe lungo parlarne).Non so se ti sia capitato talvolta di subire qualche mia angheria (eventualmente ti chiedo umilmente scusa),ma so per certo che il mio passato di impegno politico sia un quadro di democrazia e di onestà,da mostrare all’attenzione di qualche novello politico locale di qualsiasi partito (e scusami pure la presunzione) e ,quindi,non posso avere impedito ad altri di portare tali qualità nella sezione incriminata.
Non sono e non voglio essere il difensore di Sasà,ma vorrei scagliare una lancia in suo favore ,di cui ho accolto favorevolmente l’elezione,ma che,suo malgrado,si è trovato impedito(si sperava per poco tempo) a svolgere le mansioni di Segretario sezionale a tempo pieno a causa(o per fortuna) del lavoro che ha dovuto svolgere lontano da casa sua. Oppure è stato impedito dai vecchi tromboni? Sarebbe meglio mostrarsi meno colpevolisti,credo. Infine,(ma devo richiamare precedenti miei post),mi chiedo ancora una volta se sia più giusto “attaccare” una sparuta opposizione(due unità),anziché partecipare fisicamente con loro per la realizzazione di iniziative di condanna dei “misfatti” compiuti dalla Giunta comunale e loro Consiglieri.
Mi sono accorto di essere stato “lungo” e mi piacerebbe fare delle considerazioni sul post di Mentecat. Faccio un altro post.



Caro Spiderman,non sono sicuro di sapere chi c'è dietro il nick che usi,ma ormai un idea me la sono fatta. Diciamo che quasi sicuramente,se ho capito chi sei,potresti rientrare nel club dei "vecchi tromboni" e la cosa non mi dispiacerebbe perchè da fuori io ti vedo come persona intelligente e con tanta esperienza,sull’onesta poi non credo ci siano problemi,questo vale anche per Carlo. Quello che dispiace però è il fatto che avevate la possibilità di far sentire la vostra voce in merito ad una coalizione con Pino Grassi,e non l’avete fatto,magari non lo avete voluto fare. Altro errore è stato quello di scegliere “quel” candidato sindaco. Capiamoci,niente di personale contro Borsci ma in un contesto come Monteparano ormai quel nome era bruciato e in tanti lo hanno scritto anche qui sul forum. Altro errore è stata la lista. Bella a vedersi con tanto di quota rosa ma con poca sostanza e poca rappresentatività,a volte penso che quasi l'avete fatta apposta. Altro errore,il lasciarvi alle spalle le elezioni,senza veramente riconoscere la sconfitta che,non è stata dei candidati ma la vostra e per vostra intendo quella di un gruppo cieco e ostinato che pur di correre da solo,magari per poi vantarsene sul giornale,ha chiuso tutte le porte che avrebbero potuto portarvi ad una vittoria e a capovolgere il destino di un intero Paese. Ora,a distanza di un anno,dopo qualche sparuto tentativo,si è ricaduti nel silenzio e nell’indifferenza,tanto che quando tutti avrebbero azzannato la preda,voi avete deciso di essere sobri,di non gridare e di non attaccare chi,contrariamente a voi,non avrebbe perso occasione per farlo,magari anche senza motivi. Per quanto di mia conoscenza,nemmeno nei banchi del consiglio comunale si sta facendo molto,il peso della minoranza è sostenuto,anche brillantemente,da Pino Grassi. Mai un cenno d’intesa,mai una collaborazione,mai un tentativo di coalizione,anzi,non è mancata l’occasione per prendere le distanze dal Grassi. Bene,giusto per chiudere,il mio risentimento ad oggi,nei confronti dei vecchi tromboni è il fatto che mai avete veramente deciso per il bene del partito e del Paese,che mai è stata vostra intenzione cedere qualcosa,le elezioni di Sasà lo dimostrano,a Monteparano,chi lo conosce,sa che spesso era fuori per lavoro,solo voi avete pensato bene di eleggerlo segretario,quale migliore figura se non un segretario che non c’è in un partito che non c’è in un Paese dove tutto sommato è meglio essere “amici” e farsi un caffè tutti insieme.

P.s.Ho spostato qui la discussione perchè non mi sembrava giusto farlo su quella del PD e di Alex
Torna all'inizio della Pagina

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 17/10/2012 : 14:47:14  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
Spiace perdere, seppur per un tempo limitato, un utente come spiderman, o come Carlo. Insomma, questo è un luogo di confronto e l'unico mezzo concesso sono le parole che unite tra di loro fanno i periodi e i pensieri. Tre di noi ( compreso me ) hanno ripreso il pensiero di Spoiderman e Carlo, ma loro non hanno contro replicato. La discussione, a parte quella mia specie di arringa, viaggia su binari di correttezza.
Allora perché?
C'è stato anche mezzo marinaio che ha tentato ( così come killer ) di smuovere la situazione.
Non vorrei che Enter, alla fine, avesse pure ragione ( non sarebbe la prima volta).

Spidermaaaaaaaaaaaaan, Carloooooooooooooooooooooo

La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 17/10/2012 : 20:22:16  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
enter ha scritto:

spiderman ha scritto:

Al ritorno da un week end mi ritrovo una mezza rivoluzione su Forum. Buona cosa perché si ritorna a scrivere e, in più,ritornano “belle penne” ,quali Enter e Mentecat.
Leggo attentamente i loro post: a parte qualche riferimento da me non compreso(è un mio limite),rilevo,ahimè,di nuovo le bordate contro l’UDC nazionale,provinciale e dulcis in fundo contro quello locale. Critici senza dubbio ,e molte cose non possono che essere condivise, altre sono eccessivamente provocatorie, dei cui autori,comunque, va accettata la buona fede(fino a prova contraria).
Parto da Enter,che lascia intendere di voler accostare il cartello “vendesi”(posto dal proprietario del locale) ad una riflessione di un Partito politico che si pone sul “mercato”come una qualsiasi merce. Va bene come parallelismo ironico,quale espressione di critica per l’inattività sezionale .Poi estesa anche ai banchi dell’opposizione in Consiglio Comunale. Il tutto miscelato con una grave responsabilità che hanno i “vecchi tromboni”(maledetti !, per fortuna trasversali) rei di stroncare sul nascere qualsiasi iniziativa di rinnovamento, non riconoscendo la rappresentanza (questo è grave ed inaccettabile) a quella gente che ancora crede nella democrazia e nell’onestà.
Prima che tu,Enter, mi escluda dal gruppo,il sottoscritto si ritiene un vecchio trombone ,che,se anche sempre presente(ti autorizzo ad etichettarmi “prezzemolo”) nella sezione UDC ,non ha alcun potere decisionale e, men che meno,ha mai negato a chicchessia velleità di partecipazione e/o rinnovamento, anzi….(sarebbe lungo parlarne).Non so se ti sia capitato talvolta di subire qualche mia angheria (eventualmente ti chiedo umilmente scusa),ma so per certo che il mio passato di impegno politico sia un quadro di democrazia e di onestà,da mostrare all’attenzione di qualche novello politico locale di qualsiasi partito (e scusami pure la presunzione) e ,quindi,non posso avere impedito ad altri di portare tali qualità nella sezione incriminata.
Non sono e non voglio essere il difensore di Sasà,ma vorrei scagliare una lancia in suo favore ,di cui ho accolto favorevolmente l’elezione,ma che,suo malgrado,si è trovato impedito(si sperava per poco tempo) a svolgere le mansioni di Segretario sezionale a tempo pieno a causa(o per fortuna) del lavoro che ha dovuto svolgere lontano da casa sua. Oppure è stato impedito dai vecchi tromboni? Sarebbe meglio mostrarsi meno colpevolisti,credo. Infine,(ma devo richiamare precedenti miei post),mi chiedo ancora una volta se sia più giusto “attaccare” una sparuta opposizione(due unità),anziché partecipare fisicamente con loro per la realizzazione di iniziative di condanna dei “misfatti” compiuti dalla Giunta comunale e loro Consiglieri.
Mi sono accorto di essere stato “lungo” e mi piacerebbe fare delle considerazioni sul post di Mentecat. Faccio un altro post.



Caro Spiderman,non sono sicuro di sapere chi c'è dietro il nick che usi,ma ormai un idea me la sono fatta. Diciamo che quasi sicuramente,se ho capito chi sei,potresti rientrare nel club dei "vecchi tromboni" e la cosa non mi dispiacerebbe perchè da fuori io ti vedo come persona intelligente e con tanta esperienza,sull’onesta poi non credo ci siano problemi,questo vale anche per Carlo. Quello che dispiace però è il fatto che avevate la possibilità di far sentire la vostra voce in merito ad una coalizione con Pino Grassi,e non l’avete fatto,magari non lo avete voluto fare. Altro errore è stato quello di scegliere “quel” candidato sindaco. Capiamoci,niente di personale contro Borsci ma in un contesto come Monteparano ormai quel nome era bruciato e in tanti lo hanno scritto anche qui sul forum. Altro errore è stata la lista. Bella a vedersi con tanto di quota rosa ma con poca sostanza e poca rappresentatività,a volte penso che quasi l'avete fatta apposta. Altro errore,il lasciarvi alle spalle le elezioni,senza veramente riconoscere la sconfitta che,non è stata dei candidati ma la vostra e per vostra intendo quella di un gruppo cieco e ostinato che pur di correre da solo,magari per poi vantarsene sul giornale,ha chiuso tutte le porte che avrebbero potuto portarvi ad una vittoria e a capovolgere il destino di un intero Paese. Ora,a distanza di un anno,dopo qualche sparuto tentativo,si è ricaduti nel silenzio e nell’indifferenza,tanto che quando tutti avrebbero azzannato la preda,voi avete deciso di essere sobri,di non gridare e di non attaccare chi,contrariamente a voi,non avrebbe perso occasione per farlo,magari anche senza motivi. Per quanto di mia conoscenza,nemmeno nei banchi del consiglio comunale si sta facendo molto,il peso della minoranza è sostenuto,anche brillantemente,da Pino Grassi. Mai un cenno d’intesa,mai una collaborazione,mai un tentativo di coalizione,anzi,non è mancata l’occasione per prendere le distanze dal Grassi. Bene,giusto per chiudere,il mio risentimento ad oggi,nei confronti dei vecchi tromboni è il fatto che mai avete veramente deciso per il bene del partito e del Paese,che mai è stata vostra intenzione cedere qualcosa,le elezioni di Sasà lo dimostrano,a Monteparano,chi lo conosce,sa che spesso era fuori per lavoro,solo voi avete pensato bene di eleggerlo segretario,quale migliore figura se non un segretario che non c’è in un partito che non c’è in un Paese dove tutto sommato è meglio essere “amici” e farsi un caffè tutti insieme.

P.s.Ho spostato qui la discussione perchè non mi sembrava giusto farlo su quella del PD e di Alex


Enter(ma vale anche per Mentecat). Non mi sottraggo a “confronti” ,pur non avendo titoli per difendere la Sezione UDC. Parlo in piena libertà per la verità che conosco. Non mi dispiace se hai riconosciuto la mia persona tramite il nickname. Probabilmente riconoscerai la mia buona fede . Poche parole per una disamina effettuata chissà quante volte nelle sedi opportune ed anche qui su Forum. Premesso che ho il dovere morale e civile di difendere le decisioni prese in sintonia con altri(giuste o sbagliate che siano state),sarebbe assurdo non riconoscere che le obiezioni(chiamale pure errori) evidenziate da Enter non fanno una grinza. Tuttavia la storia con i “se” e con i “ma”, con il senno di poi, non si può fare,ma serve, semmai,solo come esperienza per un futuro migliore. Né serve piangere sul latte versato. E se proprio di errori vogliamo parlare,questi non li hanno commessi solo gli esponenti UDC,ma vanno divisi equamente fra le parti da te citate. Lasciami essere generico e forse criptico qui su Forum,poiché l’analisi dei risultati elettorali l’ho fatta con il cuore in mano pubblicamente in sezione e privatamente con quanti hanno avuto la disgrazia di parlare con me. Ora mi pare logico condividere che decisioni di tipo diverso potevano portare risultati accattivanti non per l’UDC,ma per tutta Monteparano (visto come vanno le cose). A risultato elettorale acquisito ognuno ha il diritto di “incolpare” i vecchi tromboni di avere sbagliato la formazione messa in campo. Ovviamente se avessimo vinto le elezioni staremmo qui a parlare d’altro. E tuttavia,nonostante gli “errori”,se non fosse accaduto quel miscuglio di fatti noti a tutti,ma che non possono essere esplicitati,forse…..
L’elezione a Segretario sezionale di Sasà è stata voluta da un’Assemblea appositamente convocata,senza sotterfugi e senza dietrologie. Quando Sasà fu eletto nessuno sapeva,neppure lui,che il suo lavoro lo avrebbe allontanato da casa sua ,impedendogli,di fatto,di espletare il suo mandato.
Quanto al comportamento della minoranza in Consiglio Comunale non mi risulta quanto asserito da Enter, e si sa che quando manca la cassa di risonanza ,l’opposizione può sembrare muta.
Torna all'inizio della Pagina

limone
Utente Medio




169 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 19:50:27  Mostra Profilo Invia a limone un Messaggio Privato
Appare evidente che il malessere evidenziato da Mentecat, Enter e, forse, Killer, sia riconducibile a due o tre persone al massimo. I soliti noti, direi. Ciò che io ebbi il coraggio di dire qualche tempo fa viene ora ripreso, più o meno negli stessi termini, dai suddetti utenti.
La cosa dovrebbe rendermi felice? Per niente. Ci sono due motivi:
1) nonostante le evidenti lacune quei due o tre ancora si riuniscono e parlottano ( in virtù di un'amicizia e di un legame trentennale) cercando di organizzare, sapendo che il gregge seguirà per l’ennesima volta;
2) il gregge aspetta che quei due o tre abbiano deciso cosa fare per l’ennesima volta, affinché si possano mettere nuovamente in fila, senza rendersi conto di nulla.

Le due componenti, cioè il piccolo nucleo ( i due o tre) e il gregge si completano miseramente appoggiandosi l’uno all’altro con forze diverse. Sfugge ai più il perché di una fiducia incondizionata verso questi pastori che hanno perso di vista le vette della montagna con l’erba più fresca; non sfugge ai pastori la miseria umana di un seguito che nemmeno si chiede perché farsi guidare, in alcuni casi dopo trent’anni, dagli stessi bovari, i quali hanno assunto l’aspetto di normali viandanti alla ricerca dell’ennesimo ricovero in cui stazionare per un tempo massimo pari ad un biennio.

Rimescolare le carte, ovvero la transumanza!

P.S.: Pare che l’esponente più prezioso dell’opposizione, ad uno degli ultimi consigli, abbia tuonato pressoché questo: “non si fa niente per i giovani”. Ovviamente tra lo stupore generale e qualche risatina. Ma questa è un’altra storia.
P.S.2: Il nocciolo del problema è quanto scritto nella prima parte, ovviamente; non vorrei ci si occupasse troppo del P.S.1.
Torna all'inizio della Pagina

enter
Utente Super



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


5585 Messaggi

Inserito il - 20/10/2012 : 23:39:33  Mostra Profilo Invia a enter un Messaggio Privato
Pensa,caro Limone,che leggendo "P.S.1.l'avevo scambiato per P.S.I.Perchè secondo me proprio quello è stato l'ago della bilancia nelle ultime elezioni e,potrebbe essere oggi,l'anello debole della catena.Non sono sicuro ma sotto sotto qualche speranza c'è e in verità c'è pure chi la alimenta quella speranza.Chiaramente tutte bufale.Avevo solo sbagliato a leggere
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 21/10/2012 : 10:37:50  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
limone ha scritto:

1) nonostante le evidenti lacune quei due o tre ancora si riuniscono e parlottano ( in virtù di un'amicizia e di un legame trentennale) cercando di organizzare, sapendo che il gregge seguirà per l’ennesima volta;
2) il gregge aspetta che quei due o tre abbiano deciso cosa fare per l’ennesima volta, affinché si possano mettere nuovamente in fila, senza rendersi conto di nulla.

Le due componenti, cioè il piccolo nucleo ( i due o tre) e il gregge si completano miseramente appoggiandosi l’uno all’altro con forze diverse.


Limone,perché,come al solito, ti rispondo io? Perché credo di essere l’unico che “partecipa”al Forum e che si riconosce in quei “due o tre”di cui parli (anzi sparli) . Passi la metafora dei “pastori” e “bovari” che considero una dignitosa attività ancora meglio di un anonimo fuochista che ogni tanto appare per lanciare un suo pet(o)ardo. Ma definire “gregge che si completa miseramente…” oppure “miseria umana”,mi pare troppo presuntuoso ed offensivo verso un gruppo di persone che crede fermamente in un ruolo politico-amministrativo diverso da quello corrente e che pone “fiducia incondizionata” verso detti pastori. Se poi,altri come te,ritengono che si possa fare di meglio(cosa che ritengo e mi auguro si possa concretizzare) basta proporsi e offrirsi . Vai da Sasà(il segretario),che non ti presenterà a me(che sono uno dei due o tre mammasantissima),ma ti farà entrare nella “stanza di comando” e vedrai che risolveremo il problema.
Torna all'inizio della Pagina

limone
Utente Medio




169 Messaggi

Inserito il - 21/10/2012 : 17:20:32  Mostra Profilo Invia a limone un Messaggio Privato
Nessun mammasantissima, Spiderman. La politica non è in grado di indicare dei mammasantissima. Sarebbero dei millantati titoli senza alcun fondamento. Purtroppo sappiamo tutti ( escluso mentecat ) che il politico allo stato attuale non ha più voce in capitolo, visto il "commissariamento" di tutti i Ministeri e di tutti gli ambienti in cui si decidevano le sorti. Da qui la riconversione di tutti per poter riprendere un discorso chiuso con la caduta di Berlusconi. Parlo un pò di tutta la politica. Il tuo post sul "vorrei dire", seguito da quello di Soprano, ne è la conferma.
Con ciò non prendo la distanza da quello che ho scritto prima, perchè la riconversione deve essere fatta da un soggetto politico verso un altro soggetto politico, ma anche da uomini che abdicano ad altri uomini. Si dovrebbe avere il coraggio di farlo, per il bene della politica, degli enti locali, delle regioni, dello Stato. A cosa mi serve votare nuovamente Casini, quindi nuovamente Tassone, quindi nuovamente pinco pallino, quindi nuovamente Borsci? Si cambia tutto per non cambiare niente.
Se Pinco pallino se ne parte ancora e sempre da solo per andare a coltivare il suo orticello, perdonami, qui rimaniamo sempre punto e a capo.
Sasà, visto che me lo hai consigliato, potrà al massimo farmi vedere di quante stanze è formata la sezione; anzi neanche più quella.
Sasà e qualcun altro, invece, a parer mio, deve partire insieme a pinco pallino perché deve conoscere, deve insinuarsi negli ambiti, deve poter imporre la propria figura. Invece qui si è abituati che pinco pallino parte e poi torna con il piatto pronto, che può essere un nuovo soggetto politico o nuovi segreti o, peggio, mezze verità, cioè quello che apertamente si possono dire.
Quando parlo di gregge non lo devi considerare una negatività, anche se trovo avventuroso dare dell'eroe ad un gregge. Era palese la mia metafora. E tale deve rimanere, senza alcun disprezzo verso quelle categorie ( bovari...etc...).
Il gruppo di persone che doveva credere ciecamente - invece non lo ha fatto - dovrebbe essere composto da quella lista che voi "due o tre" avete formato. Invece abbiamo perso i dieci prescelti con tutte le loro velleità. Ricordo vagamente che Angelo60 disse che si sarebbe occupato personalmente.
Il fatto è che c'è chi si deve introdurre e c'è chi si deve fare da parte, sul serio. A cosa serve se in piazza siamo tutti d'accordo e poi in separata sede pinco pallo si ritrova sempre con quei due o tre?
Scritto molto alla veloce, senza metafore e senza allegorie....
Torna all'inizio della Pagina

angelo60
Utente Attivo


Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


970 Messaggi

Inserito il - 21/10/2012 : 22:45:22  Mostra Profilo Invia a angelo60 un Messaggio Privato
limone ha scritto:

..... Ricordo vagamente che Angelo60 disse che si sarebbe occupato personalmente.
....



MI ero ripromesso che nel nuovo forum non avrei parlato di "politica" e dunque intervengo solo per dire che continuamente mi occupo dell'amministrazione mettendomi a disposizione dei consiglieri e degli amici,probabilmente io non sono un uomo di piazza e dunque non visibile, ma stai certo che in tutti gli interventi dei consiglieri di minoranza c'è sempre un mio piccolo contributo. Il guaio è che pur facendo notare i continui errori, anche in consiglio comunale, questi amministratori continuano imperterriti senza correggere tanto sanno che sono impuniti, prova lo è l'ultimo consiglio (al quale ero assente) dove pur facendo notare con dati alla mano che stavano commettendo un grave errore, il sindaco candidamente ha affermato "tanto poi lo correggiamo con una variazione di bilancio"....
Torna all'inizio della Pagina

killer44
Utente Super




2824 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 11:19:48  Mostra Profilo Invia a killer44 un Messaggio Privato

Spiderman ha scritto:

Vorrei dire…che se non è zuppa è pan bagnato. Mi riferisco alla “rottamazione” della classe dirigente del PD,tanto agognata dal rampante Matteo Renzi. So di provocare qualche stortura di naso,ma non mi pare di affermare una cavolata se penso che attualmente il problema della sinistra non è quello di mandare a casa chi sta in Parlamento da molto tempo,ma chi è mancato all’appuntamento con la storia. Chiarisco. Non è( era) tanto difficile capire che il comunismo fu un’illusione di pochi e un dramma di moltissimi,che fu teoria e pratica di miseria,che fu morte e dittatura. Scegliere tra un modello di sviluppo fondato sul libero mercato e lo statalismo significava aderire ad ordinamenti liberali e democratici(se vogliamo con le loro storture e stravaganze) oppure rassegnarsi ad un appiattimento sociale povero modellato sulla sudditanza dell’impero sovietico. I nostalgici si incazzeranno per tale ammissione,ma è una realtà ineluttabile ,visto che poi il comunismo è sparito dai governi occidentali(e non solo). Torniamo al nostro. Vedere Massimo D’Alema ,il più “comunista” del PD,così bruscamente “rottamato”, fa pensare che Renzi e Bersani non siano poi tanto stupidi ad impegnarsi in una simile opera di pulizia. E’ pur vero che D’Alema ,essendo il miglior figlio della scuola comunista italiana, non ha saputo prendere le distanze da una storia vergognosa,che,in verità,a quei tempi sembrava(sic) gloriosa;che ha creduto che bastasse cambiare nome al partito per far fessi gli altri. Ed ora paga quel conto in sospeso,senza ringraziamenti per essersi “speso” per quel partito. Ma è altrettanto vero che abbiamo l’obbligo di osservare se davvero Bersani è più “nuovo” di D’Alema. Non mi pare che tra i due ci sia tanta differenza :è che il primo ha avuto meno spazio nazionale e ruoli secondari nel partito. Per il resto, siamo li. Eppure Bersani è candidato attraverso le primarie(ora di moda al posto dei congressi) e D’Alema si scordi che il Partito lo chiami. In definitiva Bersani e D’Alema sono eredi della stessa ideologia,eppure il primo corre pur essendo più scarso,il secondo è da rottamare. Se questa è la lungimirante nuova democrazia dei partiti…

Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Nietzsche
Torna all'inizio della Pagina

killer44
Utente Super




2824 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 11:20:37  Mostra Profilo Invia a killer44 un Messaggio Privato

Soprano ha scritto:

vorrei dire.... in Italia sono rimasti in tre al parlare ancora di post-comunismo, Berlusconi, Alfano e......
Eppure le ultime vicende dovrebbe aver insegnato che in Italia ha creato grandi drammi un certo modo di fare politica che molti hanno nascosto dietro la parola "liberismo". Oggi essendo caduta la maschera si nascondono dietro il "Montismo".
Comunismo, Berlusconismo, Montismo hanno tutti un filo conduttore, la capacità di creare "Casini".

Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Nietzsche
Torna all'inizio della Pagina

limone
Utente Medio




169 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 11:32:09  Mostra Profilo Invia a limone un Messaggio Privato
angelo60 ha scritto:

limone ha scritto:

..... Ricordo vagamente che Angelo60 disse che si sarebbe occupato personalmente.
....



MI ero ripromesso che nel nuovo forum non avrei parlato di "politica" e dunque intervengo solo per dire che continuamente mi occupo dell'amministrazione mettendomi a disposizione dei consiglieri e degli amici,probabilmente io non sono un uomo di piazza e dunque non visibile, ma stai certo che in tutti gli interventi dei consiglieri di minoranza c'è sempre un mio piccolo contributo. Il guaio è che pur facendo notare i continui errori, anche in consiglio comunale, questi amministratori continuano imperterriti senza correggere tanto sanno che sono impuniti, prova lo è l'ultimo consiglio (al quale ero assente) dove pur facendo notare con dati alla mano che stavano commettendo un grave errore, il sindaco candidamente ha affermato "tanto poi lo correggiamo con una variazione di bilancio"....

Si, Angelo, ma quello che volevo dire nell'occasione specifica era la "formazione" di quei dieci giovani che hanno composto la lista. Ricordo che tu scrivesti che te saresti occupato personalmente.
In linea più generale vorrei far capire a Spiderman, ma non solo a lui, che quando uno insiste come me, quando uno si arrabbia, non è certamente perché ha un disinteresse per quel dato argomento, anzi, vuol dire l'esatto contrario.
Quindi cercate di vedere i miei post in quell'ottica, come linea di principio.
Il disfacimento no; piuttosto un "principio di conservazione" nelle idee di base, ma con le dovute modifiche nella questione gestionale.

ius variandi
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 4 Discussione  
Pagina Successiva
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
IL FORUM DI MONTEPARANO.COM © Monteparano.com 2008 Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,49 secondi. Versione 3.4.07 by Modifichicci - Herniasurgery.it | PlatinumFull - Distribuito Da: Massimo Farieri - www.snitz.it | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06