IL FORUM DI MONTEPARANO.COM

IL FORUM DI MONTEPARANO.COM
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 DISCUSSIONI
 DISCUSSIONI LIBERE
 Politica, ovvero rimescoliamo le carte
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 4

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 14:19:55  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
Dopo l’analisi fatta a sinistra,mi pare giusto,per la par condicio, farla anche a destra. L’altro giorno il Cavaliere pronunciò poche e fredde parole per prendere le distanze dalle beghe interne nel suo partito e più che risolverle ne ha accentuato gli effetti negativi. Una volta egli era capace di richiamare all’ordine le truppe con una semplice apertura di bocca. Questa volta c’è stata una mezza rivoluzione dopo la proposta della Santanché (tacitamente avallata dal “padrone”) di rottamare la classe dirigente del PDL. Certo non c’è da stare allegri se si riflette che quel partito oggi si attesti sul 15% di consensi quando ne riscuoteva il 38% all’esordio. Come frenare l’emorragia? Lo stesso Berlusconi si scervella, scalpita,ma non ne viene a capo. Nessuno di loro ha capito(sembra) che la soluzione sta proprio nella rottamazione del Deus. Ma chi prende il coraggio a due mani ? Egli stesso? L’ha fatto. Ma non gli crede nessuno. I dirigenti del suo partito ,ad oggi,non si sono resi conto che una storia è davvero tramontata . Non credo che debbano farsi problemi se si convinceranno che ormai il Berlusconi per anni osannato non c’è più. I suoi disegni labili e oscuri non coincidono più con quelli del centrodestra e negli ultimi mesi è impegnato a rottamare il PDL senza rimetterci la faccia. Manda avanti gli altri,sonda,tenta di dissodare il terreno sul quale seminare un suo nuovo verbo(che peraltro nessuno conosce),ma non si espone più in prima persona. Tenta anche di delegittimare la classe dirigente da lui creata per giocare la carta dell’ambiguità,ora appoggiando Monti,ora criticandone le iniziative , colorandole di facile populismo,senza un suo preciso progetto politico. Sembra l’antagonista del berlusconismo morente ,che è talmente grottesco e caricaturale da non essere preso in considerazione. Io stesso(semmai possa importare il mio parere),a differenza del 1994,non ravvisando più il pericolo dell’avvento in Italia del “comunismo”,non riconoscendogli alcun “disegno politico nuovo o diverso”,diffido di lui.
Senza avere la presunzione di suggerire niente a nessuno,credo che Alfano,usando i suoi attributi,possa risolvere il problema,soltanto ripristinando le regole di democrazia interna mai applicate,approntando un programma e un progetto politico futuro su cui si riconoscano le culture e le identità di un centrodestra omogeneo(Lega out). Ma questo è un altro discorso……
Torna all'inizio della Pagina

enter
Utente Super



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


5585 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 18:48:29  Mostra Profilo Invia a enter un Messaggio Privato
Penso che la sinistra andrà a vincere le prossime elezioni e che nel giro di qualche anno ci ritroveremo,non solo alle urna,ma di nuovo "abbisignosi" di altri tecnici.
Torna all'inizio della Pagina

mezzo marinaio
Utente Attivo


Regione: Puglia


865 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 19:00:36  Mostra Profilo Invia a mezzo marinaio un Messaggio Privato
Ma se vince Vendola avremo una festa calendariale in più. Mica è poca cosa.
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 22/10/2012 : 19:06:32  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
limone ha scritto:

angelo60 ha scritto:

limone ha scritto:

..... Ricordo vagamente che Angelo60 disse che si sarebbe occupato personalmente.
....



MI ero ripromesso che nel nuovo forum non avrei parlato di "politica" e dunque intervengo solo per dire che continuamente mi occupo dell'amministrazione mettendomi a disposizione dei consiglieri e degli amici,probabilmente io non sono un uomo di piazza e dunque non visibile, ma stai certo che in tutti gli interventi dei consiglieri di minoranza c'è sempre un mio piccolo contributo. Il guaio è che pur facendo notare i continui errori, anche in consiglio comunale, questi amministratori continuano imperterriti senza correggere tanto sanno che sono impuniti, prova lo è l'ultimo consiglio (al quale ero assente) dove pur facendo notare con dati alla mano che stavano commettendo un grave errore, il sindaco candidamente ha affermato "tanto poi lo correggiamo con una variazione di bilancio"....

Si, Angelo, ma quello che volevo dire nell'occasione specifica era la "formazione" di quei dieci giovani che hanno composto la lista. Ricordo che tu scrivesti che te saresti occupato personalmente.
In linea più generale vorrei far capire a Spiderman, ma non solo a lui, che quando uno insiste come me, quando uno si arrabbia, non è certamente perché ha un disinteresse per quel dato argomento, anzi, vuol dire l'esatto contrario.
Quindi cercate di vedere i miei post in quell'ottica, come linea di principio.
Il disfacimento no; piuttosto un "principio di conservazione" nelle idee di base, ma con le dovute modifiche nella questione gestionale.

ius variandi


Non ho mai pensato che Limone potesse inserire i suoi post su Forum al fine di distruggere l’apparato politico (non so usare altra locuzione) dell’UDC locale,ma li ho intesi semmai come sprone a far di meglio,anche se talvolta ha suggerito di “buttare l’acqua sporca con tutto il bambino” . Non sembrava offrire spunti per la soluzione delle gravi difficoltà cui andiamo incontro. Sento,pertanto, il dovere di aprire con Limone(ma anche con altri) una discussione più ampia,franca e senza pregiudizi,che non sia limitativa alla questione locale.
Se il male della politica italiana fosse solo l’attaccamento alla poltrona dei vecchi leaders,la soluzione sarebbe semplice:via gli anziani(o i tromboni) e il gioco è fatto. Ma questo porterebbe al rinnovamento o avremmo soltanto un ricambio generazionale? Una breve parentesi mi consente di ricordare che alcuni degli episodi recenti più vergognosi che hanno indignato l’opinione pubblica sono stati compiuti da presunti giovani. Nulla a che vedere con quelli di tangentopoli. Al massimo qualcuno allora ha rubato per il suo partito,ma non per sé. Chiusa la parentesi. Avere meno di 40 anni non offre la patente di serietà,di idee,di onestà. Più interessante sarebbe assistere ad un confronto generazionale che abbia come base la spiegazione di visioni diverse dei partiti,del modo di fare politica e,perché no,della società.
Nei maggiori partiti a tutto stiamo assistendo tranne che a quanto sopradetto. Eppure tutti ci siamo convinti che in Italia lo sviluppo è impedito da un debito spaventoso,dovuto alla spesa pubblica che rimane elevata;le regioni e le provincie sono un errore non solo della costituzione,ma,peggio,del decentramento, rimanendo delle centrali di sperperi;la burocrazia è soffocante;una rinfrescata alla costituzione sarebbe più che necessaria;la criminalità entra nei palazzi del potere. Poche cose accennate ,ma non sono queste le questioni che devono essere affrontate dai giovani che vorrebbero incalzare,anzi,scalzare,i vecchi? I giovani si facciano avanti per vincere e correggere gli errori dei padri,non per accomodarsi sulle loro poltrone. Qui si pensa alle primarie o a chi sa che cosa. Lo scontro(io direi l’incontro) tra vecchi e giovani dovrebbe essere tra conservazione e innovazione. Né i partiti di destra né quelli di sinistra si sono sognati di preparare i giovani a diventare la futura classe politica,ma hanno candidato(qui è la grave colpa dell’attuale legge elettorale) solamente “dilettanti allo sbaraglio”,tanto per vincere. Chi se ne frega se si riesce ad amministrare per il bene comune(Monteparano docet!!) e perdonami una vena di romantica illusione(è un “errore” di cui mi incolpi proprio tu). E arriviamo al tuo punto dolente. Come e chi prepara i giovani ad inserirsi nei meandri della politica. Il discorso ora ci porterebbe lontano . Ma ne vale la pena.Che dici:facciamo a puntate? Altrimenti chi ci legge…….
Torna all'inizio della Pagina

killer44
Utente Super




2824 Messaggi

Inserito il - 25/10/2012 : 14:54:50  Mostra Profilo Invia a killer44 un Messaggio Privato
solo questo link:

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/politica/2012/10/25/Sanita-procura-chiede-condanna-Vendola-20-mesi_7688947.html


Il mio tempo non è ancora venuto; alcuni nascono postumi.

Nietzsche
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 25/10/2012 : 15:10:59  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato

Nel vecchio Forum c’era la rubrica “credibilità di un leader” su cui veniva riversato quanto di peggio passava per la mente in ognuno di noi riguardo a Berlusconi. E’ lì che intendevo postare questa mia riflessione. Ma non so come recuperare quella rubrica e la pubblico qui.
Berlusconi ci lascia definitivamente e per davvero. Non voglio rilanciare la polemica tra chi è “favorevole” o” contrario”(se ne è parlato fin troppo),né intendo sembrare il presuntuoso di turno o il saccente della politica italiana,ma devo dire che sono stato uno che l’aveva previsto qui su Forum,dove affermai che non saremmo stati noi a cacciarlo,ma sarebbe stato lui ad abbandonarci. E chi se ne frega ,diranno i detrattori,purché si tolga dalle scatole. Ma,al di là delle facili battute, il suo gesto impone una piccola riflessione. Ritengo che abbia dato un segno di “classe” a certi politici da lui stesso nominati e non e gli italiani non sono poi così stupidi,perché hanno capito che non si manda alle ortiche un uomo che bene(poco) o male ha rappresentato vent’anni di storia italiana. Egli,invece, è stato così “superiore” da far capire che gli italiani non lo meritano,prendendoci in contropiede, soprattutto coloro che hanno costruito la propria politica sull’antiberlusconismo. E’ apprezzabile il gesto anche perché non è impostato sulla vendetta tipo “muore Sansone con tutti i Filistei”,ma “per amore di questa Italia”,sacrificando la sua ambizione(o presunzione) politica(da cui credo ci abbia rimesso e non poco) per un bene comune,giocando anche di anticipo ,non aspettando neppure il risultato del voto in Sicilia,che avrebbe potuto “influenzare” la sua decisione. Ora il gioco delle alleanze per le prossime elezioni è aperto e non ci sono più scuse “ostative” per chi ha ancora a cuore il “bene degli italiani”.
Torna all'inizio della Pagina

soprano
Utente Medio



220 Messaggi

Inserito il - 25/10/2012 : 15:53:44  Mostra Profilo Invia a soprano un Messaggio Privato
spiderman ha scritto:


Ritengo che abbia dato un segno di “classe” .....

pari a quello del comandante Schettino sulla Concordia.
Affonda la nave, io dirigo il salvataggio da una scialuppa ben al sicuro. Mai provato tanto digusto come oggi a leggere i titoli dei vari giornali, tutti a stracciarsi le vesti. Per come la vedo io, oggi il popolo Italiano dovrebbe essere in piazza a festeggiare..
Dopo D'Alema,Veltroni,Berlusconi, Bossi, spero possa toccare a Casini, Fini, Buttiglione, a quelle comiche di Gasparri e La Russa e a tuti quelli che hanno rappresentato l'ennesimo ventennio di vergognosa fase della politica Italiana.

Modificato da - soprano in data 25/10/2012 15:56:30
Torna all'inizio della Pagina

Enjoy
Utente Master



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


1108 Messaggi

Inserito il - 26/10/2012 : 01:52:52  Mostra Profilo Invia a Enjoy un Messaggio Privato
Prima di tutto, un caloroso saluto e un bentrovato anche a Spiderman nel vecchio forum.

Dunque: "un segno di classe", dice Spiderman, riferendosi alla dichiarazione di resa del Cavaliere. E lo dice come se l'uscita di scena fosse dettata da sentimenti nobili, da una specie di filantropia di massa improvvisa e folgorante ("il bene dell'Italia"); non piuttosto dalla considerazione tutta politica di una ormai improbabile, se non impossibile, rielezione del Piazzista. Siamo seri. I sondaggi non sono formule ignote, almeno nella misura in cui B. NON se n'è andato di sua volontà. L'abbiamo cacciato noi, scrivendo qui, parlando altrove: è l'opinione pubblica il vento della politica; Berlusconi ha avuto non la dignità, ma l'intelligenza di muoversi in tempo. Tanto che guarda caso l'uscita di scena (annunciata e presunta) avviene subito dopo il sorpasso sul PDL (nei sondaggi) da parte del Movimento 5 Stelle, oltre che in precedenza del PD. In discesa libera, solo uno sprovveduto avrebbe trovato alternative: non ce n'erano. E' l'uscita di scena "dignitosa", ma presumibilmente solo una parvenza. Per evitare lo schiaffo più eclatante, perchè il popolo dica: è un segno di classe, e in fondo quest'Italia, vedete, l'amava per davvero, comunisti ingrati. E soprattutto per far *sopravvivere* il SUO partito, che resterà suo per sempre. Altro che per amore del popolo, "sacrificando la sua ambizione", come scrive Spiderman. Ma come si fa. Siamo davvero così sicuri che pur uscendo di scena ma continuando a *finanziare* il "nuovo" partito guidato da un "nuovo" leader, Mister B. non sia ancora lì, dietro le quinte, a trarre benefici muovendo i fili di un movimento solo apparentemente riformato?
Peraltro, ci sono ancora troppi processi in corso, Spiderman. Lascia stare. E che non mi si racconti ancora la favola delle toghe ROSSE, a meno che nel frattempo non sia diventato democristiano o berlusconiano anche quel tale Vendola, per cui la Procura di Bari ha da poco chiesto la condanna a 1 anno e 8 mesi di reclusione. Saranno le toghe azzurre, queste, non so. Ditemi voi.

Quanto fumo negli occhi, da vent'anni; quanta ipocrisia. E quanti ancora che si ostinano a celebrare la superficie delle cose, ignorandone causa e sostanza. Perchè diceva bene Scalfari: i popoli hanno davvero i governanti che si meritano.

P.S.: Inutile precisare che l'intervento di Soprano appare qui completamente condivisibile.

"Bisogna diventare indifferenti, senza mai chiedersi se la verità sia utile o fatale per qualcuno..."
F. Nietzsche

Modificato da - Enjoy in data 26/10/2012 02:34:19
Torna all'inizio della Pagina

Amministratore
amministratore


Prov.: Taranto
Città: Monteparano


3659 Messaggi

Inserito il - 26/10/2012 : 10:56:01  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Amministratore Invia a Amministratore un Messaggio Privato
Posso aggiungere al coro la mia voce? Non dirò nulla di nuovo, ma voglio esserci anche io in questo momento importante della storia italiana. L'uscita di scena di Berlusconi è una gran bella cosa per questo nostro paese maltrattato, insultato, sbeffeggiato quasi dalla peggiore classe politica dal dopoguerra ad oggi. Confido adesso nel "trapasso" del berlusconismo da un lato e della pochezza politica del mero antiberlusconismo dall'altro.
Questi 20 anni hanno impoverito culturalmente sia la destra che la sinistra italiana, passando per il centro naturalmente.
Grillo docet ...
E' arrivato il momento di una svolta fondamentale nella politica italiana. Nulla però sarà più come prima ... Occorre che i giovani trovino il coraggio di osare.

"Fatti non fummo per viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza"
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 26/10/2012 : 12:20:00  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
Non mi aspettavo certo una condivisione della mia riflessione sulla “dipartita politica”da parte di Enjoy o Soprano o Amministratore,che, ribadendo il loro parere(sempre rispettabile), hanno sottovalutato,sul piano pratico, che a volere(o non) Berlusconi sono comunque i suoi elettori,che,da un sondaggio(“che non sono formule ignote”) di Porta a Porta,continuerebbero a votare PDL per il 92% con la presenza di Berlusconi e per il 32% senza la sua presenza. Stiamo attenti,quindi,a liquidare l’argomento, affidandoci al vento dell’opinione pubblica,certamente orientata alla defenestrazione del Deus(per i condivisibili motivi addotti da ognuno),che, ribadisco,va inteso come un volontario arretramento,non una reale cacciata(non abbiamo votato). Che non decida di “scomparire” dalla politica non solo l'ho capito anche io ,tanto è preoccupato per le vicende giudiziarie ancora pendenti sul suo capo,ma lo ha anche solennemente dichiarato. Sulla opportunità(volontario esilio o cacciata) di un suo allontanamento dalla politica attiva diretta siamo d’accordo.

Torna all'inizio della Pagina

enter
Utente Super



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


5585 Messaggi

Inserito il - 26/10/2012 : 12:46:07  Mostra Profilo Invia a enter un Messaggio Privato
A me piace e condivido il post dell'Amministrazione.Osino i giovani.Nonostante tutto quello che accade si vedono in giro,e ancora parlano,persone che stanno la anche prima di Berlusconi.Come ho detto prima,le prossime elezioni segneranno la fine del centrodestra,chi vincerà,però,non ha e sicuramente non avrà,l'intelligenza di proporre e presentare dei giovani.Della serie:quando non vedremo più la Bindi,la Finocchiaro,Rutelli,Bersani e tanti altri?
Torna all'inizio della Pagina

soprano
Utente Medio



220 Messaggi

Inserito il - 26/10/2012 : 18:02:30  Mostra Profilo Invia a soprano un Messaggio Privato
forse sapeva già:


http://notizie.virgilio.it/cronaca/processo-mediaset-berlusconi-condannato-a-4-anni-per-frode-fiscale_174325.html
Torna all'inizio della Pagina

Carlo
Utente Attivo


Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: monteparano


710 Messaggi

Inserito il - 26/10/2012 : 21:23:22  Mostra Profilo Invia a Carlo un Messaggio Privato
Io le intelligenze, l'esperienza maturata da certi politici di tutti gli schieramenti, non gli lascerei andare via o rottamare, a fianco di giovani capaci, onesti, hanno sicuramente molto da dare ancora, e assicurano, senza nulla togliere alle straordinarie doti intellettuali di chi saprà osare, e cercherà il consenso, quel quid che nobilita tutta la politica. Ben vengano i nuovi, ma non buttiamo alle ortiche quei pochi di ogni schieramento che hanno dimostrato di essere ricchi culturalmente, moralmente e che la nazione non se ne può privare.
Torna all'inizio della Pagina

Enjoy
Utente Master



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


1108 Messaggi

Inserito il - 27/10/2012 : 02:21:27  Mostra Profilo Invia a Enjoy un Messaggio Privato
Carlo ha scritto:

[...]
Ben vengano i nuovi, ma non buttiamo alle ortiche quei pochi di ogni schieramento che hanno dimostrato di essere ricchi culturalmente, moralmente e che la nazione non se ne può privare.


I nomi. Piacerebbe conoscere i nomi di questi illuminati che hanno lasciato il segno, nel corso degli anni, per ricchezza morale e culturale, di cui non possiamo privarci. Fai qualche nome, Carlo.

Signori, qui non si tratta di disfattismo, o di qualunquismo. La verità è che siamo stati e siamo privi di personalità politiche rilevanti. Guardatevi indietro, negli ultimi 20 anni, e trovatemi un De Gasperi, o uno che si avvicini all'altezza intellettuale di Gramsci: troverete solo mestieranti. E' questa la verità, e avete poco da ribattere: la mia generazione da un punto di vista politico ha vissuto e sta vivendo il periodo più anonimo e mediocre dell'intera storia repubblicana.

"Bisogna diventare indifferenti, senza mai chiedersi se la verità sia utile o fatale per qualcuno..."
F. Nietzsche

Modificato da - Enjoy in data 27/10/2012 02:24:33
Torna all'inizio della Pagina

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 31/10/2012 : 17:34:44  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
A proposito di rimescolare le carte, pare che Casini stia trattando con Bersani. Non è escluso un apparentamento con Vendola, si vocifera.
Che dire?

La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski
Torna all'inizio della Pagina

enter
Utente Super



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


5585 Messaggi

Inserito il - 31/10/2012 : 18:28:04  Mostra Profilo Invia a enter un Messaggio Privato
mentecat ha scritto:

A proposito di rimescolare le carte, pare che Casini stia trattando con Bersani. Non è escluso un apparentamento con Vendola, si vocifera.
Che dire?


C'è poco da dire e molto poco da capire.E' chiara l'intenzione di questa gente di rimanere dove sono a fare quello che hanno sempre fatto.
Torna all'inizio della Pagina

spiderman
Utente Attivo


Regione: Sardegna
Prov.: Cagliari


772 Messaggi

Inserito il - 04/11/2012 : 09:40:15  Mostra Profilo Invia a spiderman un Messaggio Privato
Occhio ai sondaggi. Da un bel po’,i dati che ci vengono propinati(ma anche le elezioni in Sicilia) ci dicono che la metà degli italiani non andrebbe a votare,delusi dalla politica. Non c’è modo più sbagliato di contestare quella che ormai viene definita,a giusta ragione, una casta. Riflettiamo. Il 50% non vota;dell’altra metà,il 70% si reca ai seggi e i voti naturalmente vengono spalmati in una diecina di partiti. Il più suffragato di questi prenderà il 20-25% dei consensi,pari ,si e no,a 2-3 milioni di persone,che imporrà la sua volontà alla sua coalizione e a un paese di 60 milioni di persone. “La mia delega a rappresentarmi in Parlamento non la do più a nessuno”: questo è il ragionamento che si fa quel 50% di astensionisti. E diciamo che avrebbero anche ragione per ciò che lascia vedere la casta. Ma,di fatto è inutile,anzi dannoso. Anche se andassero a votare cento mila persone sarebbe la stessa cosa,perché,escluso per il Referendum,le elezioni sono valide con qualsiasi numero di votanti,visto che le conventicole,le lobby,ecc. sarebbero sufficienti ad eleggere un Parlamento. E’ normale in un paese altamente democratico? Credo che ,dove è possibile, sarebbe necessario esporsi in prima persona,a metterci la faccia,a ragionare sui problemi e tentare di risolverli. Ricordate Gaber?: “libertà è partecipazione”!. Pensare che la politica sia una cosa sporca senza impegnarsi a pulirla significa lasciare il campo a chi ne sa approfittare. Io andrò a votare sempre,per chi mi possa dare la speranza(non la certezza) che la politica torni ad occuparsi del bene comune. Sono un idealista? Certo,ma senza ideali la politica non esiste e quanta gente è morta per gli ideali !.
Torna all'inizio della Pagina

enter
Utente Super



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


5585 Messaggi

Inserito il - 04/11/2012 : 12:05:04  Mostra Profilo Invia a enter un Messaggio Privato
Caro Spiderman,il tuo post non fa una piega. Purtroppo una milionata di voti consentirebbe a pochi,forse gli stessi,di governare o comunque di rimanere dove sono. Io è da anni che non voto perchè da anni non mi sento più rappresentato e perchè è da anni che giudico tutto il sistema politico una grande associazione a delinquere. Quello che più mi addolora è che da anni ci sono sempre gli stessi nomi,molti dei quali indagati,condannati,chiacchierati e,nei migliori dei casi,onnipresenti,nulla facenti e sempre pronti a restyling di facciata,di simbolo e di nome,pur di rimanere dove sono. Non ho la soluzione a tutto questo e il mio astenermi dal voto non è sicuramente la cosa migliore però immaginiamo che l'astensionismo tocchi livelli altissimi,cosa accadrebbe? Come si può governare un Paese con uno striminzito 20-25%?Quale immagine daremmo all'Europa e al mondo intero? Cosa accadrebbe a livello finanziario,i mercati,gli investitori,come reagirebbero? Ho forti dubbi sulla creazione di una nuova legge elettorale e ho forte dubbi che i politici capiscano cosa significhi "bene comune" preoccupati più di riempire la cassa del partito e dopo le loro,o viceversa. In un Paese pieno di debiti,pieno di disoccupati,di esodati,di precari,dove la povertà è sempre più vicina a tutte quelle famiglie che poco tempo fa erano la fascia media,a quei pensionati che dopo anni di lavoro,e di contributi versati,rischiano di morire in miseria senza copertura sanitaria e/o sociale. E' probabile che io parli così perchè non riconosco in nessuno un leader o una persona capace di mettere fine a tutto lo schifo che giornalmente viene fuori,magari chi crede in Bersani,in Alfano,in Casini,in Vendola,andrà tranquillamente a votare e a dare l'ennesima possibilità a questa gente,ma non dimentichiamo e non dimenticate che quando fu azzerato il finanziamento ai partiti,come gli italiani vollero con il referendum,questa gente c'era e subito votarono per il rimborso ai partiti,nessuno escluso. Non dimentichiamo che questa gente c'era quando i tanti auspicati tagli della politica rimasero solo parole. Non dimentichiamo che questa gente c'era quando si è deciso di devolvere alle banche miliardi di euro piuttosto che investirli su lavoro,ricerca,sviluppo,famiglie. Non dimentichiamo che questa gente non ha e non la farà un'altra legge elettorale. Non dimentichiamo,in ultimo,che questa gente va a champagne e caviale,grazie a noi e ai nostri soldi, e noi a "pane e cipodda" grazie a loro e a quello che ci danno.
Torna all'inizio della Pagina

Enjoy
Utente Master



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


1108 Messaggi

Inserito il - 05/11/2012 : 13:05:08  Mostra Profilo Invia a Enjoy un Messaggio Privato
Non siete Stato voi


[tube]http://www.youtube.com/watch?v=0jf4vVZIQLI&feature=ymg[/tube]




Chissà quanto imbarazzo provarono i nostri padri, figli di una Generazione Nuova, quando si ritrovarono a rinnegare quel Ventennio trascorso ad acclamare il populismo dell'uomo affacciato al balcone sopra un folla di ottenebrati.
Ovviamente nessuno metterebbe in dubbio oggi che il fascismo, da un certo punto in poi, non fu che un cancro da estirpare; ma stranamente chiunque si schieri contro questa politica, contro la politica del malaffare, contro la mediocrità di questo ventennio, viene tacciato di qualunquismo, nella migliore delle ipotesi.
Ma l'antipolitica è un valore, oggi, perchè è questa politica che osteggiamo; esattamente come da quel punto in poi fu un valore l'antifascismo.

Ritroviamo quella dignità perduta; poniamo le basi di una rinascita, come allora.

"Bisogna diventare indifferenti, senza mai chiedersi se la verità sia utile o fatale per qualcuno..."
F. Nietzsche
Torna all'inizio della Pagina

mentecat
Utente Master




2038 Messaggi

Inserito il - 05/11/2012 : 23:28:55  Mostra Profilo Invia a mentecat un Messaggio Privato
Rosario Crocetta è il primo Governatore omosessuale della Sicilia e, da cattolico, si meraviglia dell'atteggiamento di tolleranza esistente nel sud nei confronti dei politici gay; a sentire lui sono molti gli omosessuali anche tra gli stessi mafiosi e proprio per questo sostiene:"L'idea che la mafia sia tutta chiesa, famiglia e armi mi fa ridere".
Con lui il magistrato di Palermo Antonio Ingroia, secondo il quale l'omosessualità dei mafiosi resta un tabù perché: “temono di essere cacciati dal branco“.


I tempi cambiano anche per gli uomini d'onore.




La sanità mentale è un'imperfezione.

Charles Bukowski
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 4 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
IL FORUM DI MONTEPARANO.COM © Monteparano.com 2008 Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,34 secondi. Versione 3.4.07 by Modifichicci - Herniasurgery.it | PlatinumFull - Distribuito Da: Massimo Farieri - www.snitz.it | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06