IL FORUM DI MONTEPARANO.COM

IL FORUM DI MONTEPARANO.COM
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 CREATIVITA'
 POESIE
 La Livella
 Forum Bloccato  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Amministratore
amministratore


Prov.: Taranto
Città: Monteparano


3659 Messaggi

Inserito il - 04/09/2009 : 23:00:39  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Amministratore Invia a Amministratore un Messaggio Privato
Intervento di CIRO IL GRANDE

Mi sono permesso di tradurre, nel nostro dialetto, la celebre poesia di Totò. "LA LIVELLA", recitata dal professor Palladino, surante gli Eventi d'Agosto, sul sagrato della chiesa.
Eccovela:

LA LIVELLA
(libera traduzione, in dialetto Monteparanese, dell’omonima poesia di Antonio De Curtis, più conosciuto come TOTO’)
___oooOooo___

Ogn’ annu, lu toi ti Novembre, ste l’usanza,
pi lu giurnu ti li muerti, ti sce allu cimiteru.
Ognunu l’ha ta fa quescta crianza;
Ognunu a ta tinè sctu pinsieru.

Ogni annu, puntualmente, ti sctu giurnu,
pi scta triscte e mescta ricorrenza,
puru iu vocu… e cu do fiuri adornu,
lu loculu ti marmuru ti nonna Enza.

Sctannu agghiù cappatu n’avventura…
toppu ca gghiu fattu lu triscte omaggiu.
Madonna! Ci nci pensu, ce paura!
Ma po m’agghiu fattu anima e curaggiu.



Lu fattu è quisctu, statemi a sentire:
s’avvicinava l’ora tla chiusura,
iu, tomu tomu, stavo per uscire,
minannu l’ uecchi a qualche sepoltura.

“QUI’ DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L’UNDICI MAGGIO DEL 31”

Lu sctemma cu nna curona sobbr’ a tuttu…
…sotto na croce fatta ti lampatini;
tre mazzi ti rose cu na liscta a luttu;
cannelle, ceruttini e sei lumini.

Propiu ti costi a sctu signore
stava notra tomba misiretta,
Abbandonata e senza mancu mienzu fiore
Pi segnu sulamenti ‘na crucetta.



Sobbra scta croce a malapena si liggeva:
“Esposito Gennaro, netturbino”.
Uardannula, ce pena mi faceva,
sctu muertu senza mancu nu lumino!



Quescta è la vita! ‘N’tra la capu mia pinsava
Ci è vutu tantu e ci no teni nienti!
Sctu povru matonna si spittava
Ca puru all’otru munnu era rimanè pizzenti?

Mentre fantasticavu sctu pinsieru,
s’era già fatta quasi menzanotte,
e iu rimasi chiusu prigiunieru
muertu ti paura… nnanzi a scti cannellotte.

Tutt na vota, ce vesciu ti luntanu?
To ombre ca ccucchiavunu ti la parte mia…
Pinsai: sctu fattu mi pari sctranu…
Scto ddiscitatu… dormu o è fantasia?

Otru ca fantasia: era lu marchese,
cu la tuba, la caramella e nu pastranu,
quirotru a fiancu a iddu, nu bruttu arnese
tuttu fitenti e cu na scopa “mmanu.



E quiru sicuramenti è Don Gennaro
Lu muertu puvirieddu… lu scupatore.
Intra sctu fattu iu non ci vedo chiaro:
so muerti e si ritirano a quesct’ora?

Putevunu scta ti do me, quasi a nu palmu
Quannu lu marchese si fermò ti botto
Si vota e… tomu tomu, calmu calmu,
ticìu a Don Gennaro: “ Giovanotto!

Da voi vorrei sapere, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato,
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
La vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!



Ancora oltre sopportar non posso
La vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che vi cerchiate un fosso,
tra i vostri pari, tra la vostra gente!”

“Signor Marchese, non c’ete colpa mia,
iu no t’era fattu quisctu tuertu;
mugghierima è stata a fa scta fissaria,
iu ce puteva fa… iu era muertu!

Ci era vivu vi faceva cuntentu,
picchiava la cascitedda cu li quattr’ossi,
e propia mò, osci… intra sctu mumentu,
mi scè curcava intra nnotra fossa.”

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
Avrei già dato piglio alla violenza!”



“Fammi vitè… ce sa fà cu scta violenza…
La verità, Marchè, iu m’agghiu scucciate
Cu ti sentu; e ci perdu la pacienza,
mi scordu ca so muertu e so mazzate!...

Ma ci ti criti d’essere… nu ddiu?
Qua intra, lu uè capisci… simu uguali,
muertu si tu … e muertu so pur’iu;
ognunu com’a l’otru è tale e quale.”

“Lurido porco, come ti permetti
Paragonarti a me, ch’ebbi natali
Illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”

“Ma quale Natale… Pasca e Pifania!!!
Tlu vuè mitti ncapu … e nel cervello
Ca sctè malatu ancora… ti fantasia?
La morte lu sai ce cos’è? E’ na livella!



Nu rre, nu magistratu, nu grann’omo,
Trasennu sctu cancieddu, s’a ta fà puntu
Che persu tuttu, la vita e paru lu nome:
tu non t’ha fattu ancora quisctu cuntu?

Perciò, sientimi sanu, no fa lu risctivu,
supportimi vicinu… ce t’importa?
Scti pagliacciate li faci sulu lu vivu:
Nui simu seri… nu ‘mpartinimu alla morte!

Tradotta da Ciro il Grande



"Fatti non fummo per viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza"

ciro il grande
Utente Attivo



Regione: Puglia
Prov.: Taranto
Città: Monteparano


785 Messaggi

Inserito il - 28/04/2010 : 11:07:07  Mostra Profilo Invia a ciro il grande un Messaggio Privato
Dando seguito all'amore per il nostro dialetto, vi do' in pasto pochi versi che riflettono uno spaccato di vita di una cinquantina di anni addietro, sempre senza pretese letterarie, ma con l'intento di strapparvi qualche sorriso: si tratta di due innamorati, Addolorata e Gaetano, che stanno progettando, non potendo affrontare le spese per il matrimonio, la consueta "scinnuta" o "fuitina", come la chiamano i siciliani, e ricevono i consigli da chi la sa lunga.

La “scinnuta” ti Caitanu e ‘Ndulirata.

Sctatti citta, ‘Ndulirata!
Sctatti cittu, Caità!
Pari sctoria nturtigghiata,
nturnu a vui nun c’è pietà.
Ci la vo’ cotta, ci la vo’ cruta,
e ci vi vo’, tutt’alla nuta.

No’ parlate e no’ dicite,
tuttu quiru ca sapite.
Ogni tantu, cu na dritta,
na buscia ‘nci vo’ ditta.
Cu no’ vi sgarra tuttu ‘nqueddu,
lu munnu sanu, fra capu e queddu.

Mi raccomannu, sctativ’ attienti!
Ogni giurnu ’vit’ a musctrari,
ca purtati, intr’ alli tienti,
lu curtieddu, alli cumpari.
No’ vi scirrati, so’ capaci,
cu diventunu tutti, acieddi rapaci!


L’aviti pinsatu, l’aviti decisu?
C’aviti a ‘uardà la morte in visu?
V’na vita a fottere ti mamma e sroca,
mo ca l’amore vi sctè sctrafoca!
Lu munnu è vuesctru, nonni pinsate!
Scinnite li scale, forza, ‘zzardate!

Mo c’aviti purtato a cumpimientu,
lu fattu vuesctru e ‘viti turnatu,
Aviti a fa lu cumplimientu,
a parienti,amici e vicinatu.
Calativi ‘mposcia, non ci vo nu mesctru,
cu vi ‘mparà a cacà, cu lu culu vuesctru!










Ciro il grande
Torna all'inizio della Pagina

Amministratore
amministratore


Prov.: Taranto
Città: Monteparano


3659 Messaggi

Inserito il - 28/04/2010 : 14:19:25  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Amministratore Invia a Amministratore un Messaggio Privato
Bella Ciro ... la metto sul sito, che tra qualche giorno apparirà "ristrutturato".

"Fatti non fummo per viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza"
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
 Forum Bloccato  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
IL FORUM DI MONTEPARANO.COM © Monteparano.com 2008 Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,17 secondi. Versione 3.4.07 by Modifichicci - Herniasurgery.it | PlatinumFull - Distribuito Da: Massimo Farieri - www.snitz.it | Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06